Tre IRCCS, l’Oasi di Troina, l’Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna, l’Istituto San Raffaele Pisana di Roma, collaborano per identificare nuovi bio marcatori che potrebbero consentire di diagnosticare precocemente la malattia di Alzheimer in persone con Sindrome di Down. A spiegare il progetto di ricerca sono: Filippo Caraci, docente di Farmacologia dell’Università di Catania, ricercatore IRCCS Oasi di Troina, Maria Giulia Bacalini, ricercatrice dell’Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna, Margherita Grasso, ricercatrice IRCCS Oasi di Troina.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *