Catania, canali virtuali e telefonici. Si riorganizzano i servizi dedicati ai pazienti con Alzheimer

Si riorganizzano i servizi dell’UOS Centro Alzheimer dell’Asp di Catania per garantire la continuità relazionale e terapeutica con i pazienti e i familiari e contrastare le ricadute sociali determinate dall’emergenza pandemica.


Catania, 30 Marzo 2020

Attivato da oggi, all’UOS Centro Alzheimer dell’Asp di Catania, il progetto per la prosecuzione degli interventi riabilitativi, attraverso l’uso di canali virtuali o telefonici.

La riorganizzazione dei servizi, in linea con le misure in materia di lavoro agile, è pensata prioritariamente per garantire la continuità relazionale e terapeutica con i pazienti e i familiari e contrastare le ricadute sociali determinate dall’emergenza pandemica, con conseguenze sulla riduzione delle relazioni sociali ed interpersonali, sul senso di solitudine e l’ansia generata dalle continue informazioni.

In questo senso è stato rimodulato il lavoro di sostegno psicologico e le attività di riabilitazione cognitiva, senza far spostare utenti e familiari dalla propria abitazione, avviando le seguenti procedure:

  • colloquio telefonico di sostegno e d’informazione per “ascoltare attivamente” il peso emotivo dell’attuale momento di crisi, sia del paziente che dei suoi familiari e fornire tutte le informazioni su: funzionamento dei servizi; indicazioni generali utili a limitare i contatti sociali e a comprendere meglio i continui cambiamenti normativi;
  • videochiamate individuali o di gruppo con lo scopo di proseguire le attività gruppali di training cognitivo e gruppi di sostegno psicologico già attivi.

Gli operatori coinvolti sono: 3 psicologi e 4 tecnici della riabilitazione psichiatrica. È stata, inoltre, dedicata la seguente linea telefonica per le consulenze e le informazioni:

095.2545245
disponibile: lunedì, mercoledì e venerdì, ore 9.00-13.00
martedì e giovedì, ore 15.00-18.00.

Si amplia, pertanto, in questo difficile momento, l’offerta dei servizi dell’UOS Centro Alzheimer, finalizzati a:

  • mantenere il benessere degli utenti in carico ai Centri diurni e agli Ambulatori Alzheimer;
  • semplificare l’informativa sul Covid-19
  • evitare che pazienti e familiari possano vivere questo momento di isolamento come abbandono da parte dei contesti di cura a cui normalmente fanno riferimento.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *