Cento anni di insulina, riflettori accesi su nuovi farmaci. Congresso a Mantova

Una giornata interamente dedicata a diabete, insulina e nuove terapie, mercoledì 15 settembre nelle sale del MaMu Multicentre “A. Zaniboni” di Mantova, a cui parteciperanno tra i maggiori diabetologi italiani. Responsabile scientifico del congresso è l’endocrinologo Linneo Enzo Mantovani.

Mantova, 13 settembre 2021

Un secolo fa cambiava la storia della medicina per i pazienti diabetici. Ai cento anni dell’insulina, ormone fondamentale per regolare il metabolismo dell’organismo, è dedicato un incontro scientifico che si svolgerà mercoledì 15 settembre a Mantova, nelle sale del MaMu Multicentre “A. Zaniboni”. Una giornata interamente dedicata a diabete, insulina e nuove terapie, a cui parteciperanno tra i maggiori diabetologi italiani. Si ripercorrerà la storia della malattia, accendendo i riflettori, tra l’altro, sulle terapie innovative, con approfondimenti sull’immunoterapia, su trapianti e cellule staminali

Responsabile scientifico del congresso, dal titolo “100 anni di insulina”, è Linneo Enzo Mantovani, medico chirurgo specializzato in endocrinologia e malattie del ricambio, all’Armonia Centro Polispecialistico di Mantova. “L’obiettivo di questo incontro – spiega – è dare un aggiornamento a tutti i medici specialisti che intendono arricchire il loro bagaglio culturale nella terapia del diabete. Parleremo soprattutto di quelli di tipo 1, ma è prevista anche una sessione dedicata ai pazienti diabetici di tipo 2 che potranno usufruire di farmaci sia ipoglicemizzanti orali che iniettivi, alternativi all’insulina”.

Un altro obiettivo di questo incontro – prosegue Mantovaniè ricordare i due ricercatori, Frederick Grant Banting e Charles Herbert Best, che 100 anni fa scoprirono l’insulina. Credo che nessuno possa calcolare quante vite umane abbia salvato questo ormone e quante ne salverà. Nonostante gli ultimi farmaci ipoglicemizzanti che le aziende farmaceutiche ci hanno messo a disposizione, credo che la terapia insulinica rimanga un caposaldo nella terapia del diabete, sia di tipo 1, ovviamente, ma in alcuni casi anche del tipo 2”.

Il congresso è utile per i crediti di Educazione continua in medicina e potranno partecipare fino a un massimo di 90 medici chirurghi, specializzati in endocrinologia, geriatria, malattie metaboliche e diabetologia, medicina interna, medici di medicina generale, nefrologia, pediatria. Provider e segreteria organizzativa sono a cura di Biba Group.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
nome-foto
Pubblicità