I componenti dell’Unità di Crisi per l’epidemia Covid-19 dell’ASP di Enna si sono riuniti presso la Direzione dell’Ospedale Umberto I per fare il punto della situazione e adottare specifici provvedimenti.


Enna, 10 Novembre 2020

I componenti dell’Unità di Crisi per l’epidemia Covid-19 dell’ASP di Enna, alla presenza del Direttore Generale Francesco Iudica, si sono riuniti presso la Direzione dell’Ospedale Umberto I per fare il punto della situazione e adottare specifici provvedimenti in riferimento all’evoluzione della pandemia.

Espresso preliminarmente cordoglio profondo per i deceduti, due solo nella giornata di ieri, 9 novembre 2020, segnata dalla scomparsa del Dott. Cataldo Marco Zaffora, ricoverato nell’area Covid dal 1° novembre. Il Dott. Zaffora, di anni 66, prestava servizio presso l’Ospedale Umberto I di Enna.

Prosegue la riconversione dei posti letto ordinari in posti letto COVID come da cronoprogramma regionale che prevede 70 posti letto presso l’Ospedale Umberto I e ulteriori 70 nell’ambito delle strutture ospedaliere appartenenti all’ASP di Enna. Avviata, dunque, la macchina organizzativa per riconvertire i posti letto presso l’Ospedale Michele Chiello di Piazza Armerina dove sono già in itinere le procedure per realizzare l’area COVID, a bassa e media intensità, con un governo unitario aziendale nella gestione dell’assistenza.

L’andamento della curva epidemiologica, tenuta sotto osservazione costantemente dall’Unità di Crisi Aziendale, detterà tempi e modalità per giungere al numero programmato presso il Chiello. Nel frattempo, si stanno acquistando, tra l’altro, i sistemi di sanificazione per le strutture e nuovi 100 letti da utilizzare nei reparti ospedalieri di Piazza Armerina e Nicosia.

I numeri dei ricoveri presso i reparti COVID dell’Ospedale Umberto I di Enna registrano oggi 53 pazienti presso l’area delle Malattie Infettive, 2 ricoveri in Terapia Intensiva, 2 pazienti nel reparto COVID dell’Ostetricia. “È bene rimarcare che le attività ordinarie non COVID non sono state sospese, comprese le attività chirurgiche che continuano a essere garantite”, è stato ribadito più volte nel corso della riunione. 

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nome-foto
Pubblicità