Effettuato oggi presso l’ospedale di Germaneto di Catanzaro l’intervento per l’applicazione dello stimolatore vagale per la cura palliativa dell’epilessia farmacoresistente all’ex atleta azzurro

Catanzaro, 5 Febbraio 2021

Si è concluso con successo l’intervento per l’applicazione dello stimolatore vagale per la cura palliativa dell’epilessia farmacoresistente all’ex atleta azzurro Salvatore Antibo, applicazione effettuata oggi presso l’ospedale di Germaneto (Catanzaro).

Lo rende noto la Lega Italiana contro l’Epilessia (LICE) che in queste settimane ha seguito la vicenda dell’ex  atleta di Altofonte, doppio oro agli Europei di Spalato nel 1990, oltre a tre Olimpiadi (argento a Seul nei 10.000 metri), ex primatista italiano nei 5.000 e 10.000 metri e unico azzurro a vincere un oro nella Coppa del Mondo (Barcellona 1989). 

Oggi Salvatore Antibo – racconta Oriano Mecarelli, presidente LICE – è stato sottoposto all’applicazione di uno stimolatore vagale e non ad un ‘delicato intervento chirurgico al cervello’ come è stato scritto da alcuni media. L’intervento per l’applicazione del dispositivo è stato eseguito dal professor Lavano e dalla Dottoressa Guzzi dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Mater Domini di Germaneto. Lo stimolatore vagale è un generatore di impulsi che si posiziona sottocute a livello della clavicola e che permette di inviare stimoli al nervo vago a livello del collo. Si tratta di un sistema di cura palliativo delle epilessie farmacoresistenti, che permette in una apprezzabile percentuale di questi casi di ridurre la frequenza e talvolta la gravità delle crisi e spesso anche di migliorare la qualità di vita”.

L’ex atleta azzurro, da anni affetto da una forma epilessia farmacoresistente con una frequenza di crisi plurimensile, era da giugno in attesa di ricovero per l’intervento, poi slittato a causa dell’emergenza COVID.

Ѐ proprio grazie all’interessamento di LICE – aggiunge Mecarelli, che da anni ha in cura Antibo – che pur in tempo di pandemia è stato possibile applicare lo stimolatore vagale, che peraltro avevo consigliato a Totò già anni fa. Ringrazio quindi la Direzione Medica di Presidio dell’Ospedale di Germaneto ed  i colleghi calabresi per aver reso possibile l’intervento e spero che questa metodica, in aggiunta ai farmaci, consenta a Totò un miglioramento della sua forma di epilessia e quindi anche della sua qualità di vita. D’ora in poi la funzionalità dello stimolatore sarà controllata in loco dal neurologo Professor Ferlazzo, a dimostrazione che tra noi epilettologi esiste grande collaborazione, anche a distanza, come peraltro d’obbligo in tempi di pandemia”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *