Il Presidente della Regione Siciliana ha illustrato oggi in conferenza stampa l’ordinanza sullo sgombero degli hotspot e dei Centri di accoglienza per i migranti, con le relative modalità di attuazione. Il provvedimento è stato firmato dal governatore nei giorni scorsi.


Catania, 24 Agosto 2020

Serve in questo caso il buonsenso, dobbiamo smetterla, qui nessuno vuole la guerra tra le istituzioni, la gente vuole risolti i problemi, in Sicilia la condizione in cui vivono i migranti, lo sbarco continuo, l’assenza dello Stato concreta è uno dei tanti problemi.

Il Governo centrale capirà di essere dalla parte del torto e compirà un atto di grande responsabilità, magari ci chiederà qualche altro giorno di tempo per potere ricollocare altrove i migranti che sono ospitati nei centri di accoglienza in modo che così il nostro personale andrà, quando i locali saranno liberi, cinque, sei, otto giorni, e apporrà i sigilli, esattamente come ogni Autorità costituita fa nei confronti di una struttura privata che non ha i requisiti di carattere igienico-sanitario.

Ci sono locali dello Stato in Sicilia che sono fuori legge dal punto di vista igienico-sanitario. Abbiamo dato due mesi di tempo allo Stato perché potesse provvedere ad intervenire per renderli idonei, i locali dopo mesi non sono stati resi idonei, all’interno lo Stato ci mette centinaia e centinaia di esseri umani, questi esseri umani non rispettano, perché non possono rispettare per volontà dello Stato, le misure di prevenzione. Io sono soggetto attuatore per l’emergenza Covid-19 e devo verificare con i miei occhi se i cittadini, tutte le persone a qualunque titolo presenti in Sicilia, rispettano le norme, dopodiché intervengo perché ritengo che quei locali, quei contenitori non siano a norma e non garantiscono il diritto alla salute di chi ci è dentro e dei siciliani che subiscono ormai da troppo tempo questo triste fenomeno degli sbarchi.

Per favore lo Stato faccia la propria parte, la smetta nel braccio di ferro e nel mostrare muscoli che sa di non potere mostrare perché non è dalla parte della ragione.

È chiaro che lo Stato è impreparato su questa vicenda, è chiaro che non bastano le navi, è chiaro che non ci sono migliaia di militari che avevano promesso, quelli dell’esercito, è chiaro che poi i migranti scappano, ed è chiara la tensione; persino i sindaci di centro-sinistra dicono, “no, i migranti qui non scendono” e firmano le ordinanze e non diventa uno scandalo, se poi lo dice il Presidente della Regione che i migranti stanno in posti in cui non dovrebbero stare diventa uno scandalo, ma finiamola, un po’ di serietà.”

Lo ha detto il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, durante la conferenza stampa indetta oggi a Catania dove ha illustrato l’ordinanza sullo sgombero degli hotspot e dei Centri di accoglienza per i migranti, con le relative modalità di attuazione. Il provvedimento è stato firmato dal governatore nei giorni scorsi.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *