Ispezioni RSA: la Sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa replica a Mattia Feltri

Sandra Zampa
La Sottosegretaria Zampa replica ad un articolo pubblicato su La Stampa dove le si attribuiscono parole non vere sul caso della RSA del Pio Albergo Trivulzio

Roma, 17 Aprile 2020

Oggi su La Stampa, nel suo consueto ‘Buongiorno’, Mattia Feltri scrive che nel contesto di un’intervista a Radio Capital, la Sottosegretaria Zampa avrebbe “accusato la dirigenza (del Pio Albergo Trivulzio) di avere disatteso le disposizioni ministeriali ospitando infetti”. Confonde inoltre, non senza malizia, l’ispezione disposta dal Ministero della Sanità nei confronti di diverse RSA tra cui il Pio Trivulzio, con le inchieste avviate dalla magistratura come se ci fosse un nesso tra le due cose, così facendo di tutto una notte nera del giustizialismo.

Feltri dice di non conoscermi. Nemmeno io conosco lui ma non considero questo una buona ragione per attribuirgli intenzioni e parole non vere. Quel che ho detto può essere da chiunque riascoltato ma lo ripeto qui. Ho detto che il Ministero e l’ISS avevano diffuso indicazioni per la tutela degli anziani ospiti di RSA alla luce di due elementi incontrovertibili: la vulnerabilità estrema delle persone con età superiore ai 70 anni rispetto al Covid-19, e la peculiarità dell’essere ospiti di una struttura chiusa. Le indicazioni diffuse sono pubbliche e consultabili.  È doveroso che il Ministero verifichi ora se siano state rispettate le raccomandazioni diffuse e che accerti quali cause abbiano prodotto i tanti decessi che oggi siamo costretti a conteggiare.

Tutto il resto delle argomentazioni e delle accuse più o meno velate di Feltri sono inutili e perciò doppiamente offensive”.

È quanto dichiara in una nota la Sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *