I medici dell’Arnas Ospedale Civico Benfratelli hanno dichiarato ai parenti della vittima: “La paziente è stata intubata ma per lei non c’è stato nulla da fare“, mentre alla Casa di Cura Triolo Zancla un bimbo è nato senza vita. Questi gli episodi che hanno scatenato l’aggressione dei familiari nei confronti dei medici, a Palermo.

Fino a che punto si possono tollerare gli atti di aggressione? Ne parliamo con Gaetano Agliozzo, segretario generale Cgil – Funzione pubblica Sicilia e Giovanni Merlino, vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Palermo.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nome-foto
Pubblicità