Home » Raucedine: come far tornare la voce con i rimedi naturali

Raucedine: come far tornare la voce con i rimedi naturali

L'alterazione della voce può presentarsi in vari gradi, da un abbassamento alla perdita, afonia. Ecco dei rimedi naturali per farla tornare.

Di Melania Sorbera

I disturbi che possono causare la raucedine sono diversi: una flogosi alla laringe, sia di origine infettiva provocata da raffreddore, influenza, bronchite, pertosse o difterite; sia di origine chimica, provocata da inalazioni di sostanze irritanti quali polveri, fumo di sigaretta, vapori chimici oppure provocata da reazioni allergiche con edema della mucosa laringea. Tra le cause della raucedine vi può essere anche una neoplasia benigna che interessa le corde vocali, per esempio polipi o maligna come il cancro alla laringe. L’infiammazione che causa la raucedine, infine, può essere dovuta anche all’interessamento dei nervi responsabili della motilità celle corde vocali da parte di formazioni espansive del mediastino o del collo oppure una lesione accidentale dei nervi in corso di interventi chirurgici. In caso di abbassamento della voce o afonia, cioè perdita totale della voce, è possibile ricorrere in ogni caso ad alcuni rimedi naturali che aiutano quanto meno a ridurre l’infiammazione. Prima di tutto è di fondamentale importanza idratare spesso la gola, evitando liquidi frizzanti o gassati.

Una situazione causata da un colpo di freddo, dal fumo di sigaretta o da cattive abitudini alimentari può essere alleviata attraverso un cucchiaino di miele, meglio ancora se unito al succo di mezzo limone, sciolto nell’acqua. Questo mix dal potere disinfettante può essere ottenuto anche masticando un bastoncino di liquirizia. Un altro rimedio naturale, abbastanza conosciuto, è quello di bere una tazza di latte caldo con una generosa quantità di miele, meglio se di sera, prima di coricarsi.

Per sciogliere il catarro, invece, si possono fare dei gargarismi con acqua e sale o con bicarbonato di sodio. Questi, infatti, possono aiutarci a recuperare gradualmente la voce, liberando il cavo orofaringeo. Anche i suffumigi risultano facili ed efficaci, soprattutto laddove la disfonia sia legata a malattie da raffreddamento. In questi casi, meglio aggiungere all’acqua calda anche qualche goccia di olio essenziale dal potere decongestionante e balsamico, come l’olio essenziale di eucalipto. Tra le erbe medicinali più efficaci vi è anche l’erisimio, detto anche “erba dei cantanti”. Ad esso sono attribuite proprietà antinfiamamtorie, espettoranti, mucolitiche, emollienti e trofiche per la mucosa dell’apparato respiratorio, proprietà dovute ai glucosidi solforati contenuti nella stessa pianta. La pianta viene utilizzata anche come infuso per dare sollievo, in presenza di laringiti e tracheobronchiti. Anche la malva e la calendula sono utili a questo scopo, grazie soprattutto al loro potere antinfiammatorio. In ultimo, vi è la propoli che gode di proprietà antibatteriche e funge da antisettico naturale in grado di lenire infiammazioni del cavo orofaringeo. E’ spesso associato ad altre erbe medicinali, può essere assunto sotto forma di spray, sciroppo, caramelle o estratto analcolico in gocce.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

Canali 15 e 81 del DGTV in Sicilia

Pubblicità