Il Tribunale di Monza ha emesso oggi la sentenza di primo grado nei confronti del Professor Valerio Ceriani per lesioni colpose nei confronti di una paziente cui fu asportato lo stomaco nel 2016


Milano, 6 Ottobre 2020

In merito alla sentenza di primo grado emessa oggi dal Tribunale di Monza nei confronti del Professor Valerio Ceriani, per lesioni colpose nei confronti di una paziente cui fu asportato lo stomaco nel 2016, il Gruppo MultiMedica conferma la propria linea di massima collaborazione con la Magistratura e di apprezzamento per il lavoro svolto dagli inquirenti, e ribadisce al contempo la propria fiducia nei confronti del Professor Ceriani. Un professionista che opera presso il Gruppo MultiMedica da oltre 15 anni e che ha al proprio attivo oltre 10.000 interventi. La professione del chirurgo è purtroppo particolarmente complessa, e costringe spesso a prendere decisioni difficili in situazioni di emergenza. Ma anche per questo è a volte essenziale il ruolo della Magistratura, a tutela in primis dei pazienti, ma anche delle strutture sanitarie.

Con questo spirito, il Gruppo MultiMedica ribadisce anzitutto la massima solidarietà nei confronti della paziente – purtroppo parte lesa in questa vicenda – e in attesa di un verdetto definitivo, coperto da giudicato, rinnova la massima fiducia nell’operato della Magistratura e nella professionalità del Professor Ceriani.    


Nella foto: IRCCS-Multimedica di Sesto San Giovanni

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Eternamente grata al professore Valerio Ceriani.A me ,nel 2008,ha salvato la vita.Tumore allo stomaco K gastrico. Gli sono vicina,e la mia fiducia in lui non finirà mai.

  • Non giustifico l’errore purtroppo neanche i medici sono onnipotenti ma sono stato in cura dal professor Ceriani per una forma grave di acalasia dove era prevista una gastoectomia da lui stesso ma sempre grazie a lui evitata inoltre seguito dalla sua equipe nelle fasi successive con molta attenzione rinnovo la mia fiducia ma comprendo la situazione dolorosa in.cui si trova la signora le auguro con tutto il cuore possa migliorare