Sicilia, sanità: snellite procedure per dispositivi protesici

Dopo dieci anni aggiornate le prestazioni di assistenza ricomprese nei LEA

Palermo, 16 settembre 2021

Recupero funzionale e sociale del paziente che necessita di dispositivi protesici mediante pratiche burocratiche sempre più facili e nel minore tempo possibile. L’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, dopo dieci anni, ammoderna il settore della protesica consentendo alla aziende specializzate di erogare più velocemente le prestazioni di assistenza ricomprese nei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), in favore degli assistiti del Servizio sanitario regionale.

Il documento punta  a snellire le procedure attraverso la stesura di un tariffario unico ed introducendo anche un Osservatorio regionale cui è affidato il compito di monitorare e verificare l’appropriatezza e l’efficacia delle prestazioni riservate agli assistiti.

Soddisfazione è stata espressa dalle associazioni di categoria, FIOTO, Confapi Sicilia e Assortopedia, per le quali il decreto firmato in Sicilia è «un atteso traguardo per tutto il sistema sanitario regionale che consente di operare secondo standard professionali, strutturali e organizzativi necessari a garantire gli adeguati LEA, collocando così le strutture della protesica allo stesso livello delle aziende sanitarie pubbliche e private accreditate».

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
nome-foto
Pubblicità