Tecnologie, medici e nuove specialità per lo sviluppo degli Ospedali San Paolo e San Carlo

Giulio Gallera, Mario Cozzolino, Matteo Stocco

L’Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, in visita oggi agli Ospedali San Paolo e San Carlo.

ll Direttore Generale, Matteo Stocco, ha illustrato le peculiarità del nuovo impianto di trattamento e distribuzione acqua per le dialisi del San Carlo e la Terapia Intensiva Cardiologica del San Paolo.

Visita, in anteprima, del cantiere dei nuovi ambulatoriali di Audiologia Infantile.


Milano, 25 Ottobre 2019

L’Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera in visita oggi agli Ospedali San Paolo e San Carlo per sostenere lo sviluppo  dell’ASST Santi Paolo e Carlo e complimentarsi con la Direzione Aziendale per l’impegno profuso in questi primi 10 mesi di attività e gli investimenti messi in atto per la riqualificazione delle strutture.

All’Ospedale San Carlo il Direttore Generale, Matteo Stocco, ha illustrato le peculiarità del nuovo impianto di trattamento e distribuzione acqua per le dialisi: impianti separati per le due strutture di Dialisi al piano Terra e al 2° piano, così da garantire sempre l’indipendenza e la funzionalità di almeno un reparto  anche in caso di guasto, ovvero di contaminazione di uno dei due impianti. Inoltre, il posizionamento degli impianti di trattamento sullo stesso piano del servizio di dialisi in locali predisposti, garantisce un maggiore controllo sulla regolarità di funzionamento.

Gli impianti, certificati come dispositivi medici secondo direttiva 93/42, comportano vantaggi significativi: eliminazione dello stoccaggio e movimentazione sale, eliminazione uso carboni attivi, risparmio idrico (non vi è consumo di acqua per rigenerazione resine e lavaggio decloratori), riduzione costi di gestione e consumi, manutenzione più facile e veloce, rispetto delle norme per i reflui di scarico.

L’acqua per dialisi deve essere considerata a tutti gli effetti come un “farmaco” per il paziente in trattamento sostitutivo. Rispetto ai precedenti, i nuovi impianti installati non necessitano di sale, ma vengono gestiti con prodotti di basso volume e peso – ha dichiarato il Prof. Mario Cozzolino, Direttore della struttura di Nefrologia e Dialisi – Fondamentale è aver realizzato il nuovo anello distruzione acqua trattata in acciaio inox, rispondendo così alle vigenti normative e alle linee guida della società italiana di Nefrologia.”

8000 visite ambulatoriali l’anno, 330 emodialisi, 50 dialisi peritoneale domiciliari. Questi i numeri della struttura di Nefrologia e Dialisi.

L’occasione è stata propizia per una visita, in anteprima e in totale sicurezza, del cantiere dei nuovi ambulatoriali di Audiologia Infantile, una novità nel panorama dell’offerta dell’ASST Santi Paolo e Carlo (e non solo) con un approccio multidisciplinare che andrà a colmare una lacuna di chirurgia pediatrica ad alta complessità di cura per la presa in carico dei piccoli pazienti: locali dedicati alle visite mediche, alle prestazioni di audiometria, stabilometria e fibroscopia. Inoltre due sale visita coibentate in tutti i lati della stanza: pareti, soffitto e pavimento, completamente insonorizzate, all’interno delle quali eseguire esami specifici.

La presenza, presso il Presidio San Carlo di specialità quali Pediatria, Otorinolaringoiatria, Terapia Intensiva e Neurochirurgia hanno permesso alla Direzione Strategica di poter sviluppare il progetto di una nuova Struttura Ambulatoriale di Audiologia Infantile, grazie alla preziosa collaborazione del Dr. Giuseppe de Donato, specialista in Otoneurochirurgia e della Chirurgia della base cranica, con particolare attenzione alla chirurgia delle protesi impiantabili e degli impianti cocleari.

Nuovo impianto Dialisi

La delegazione si è poi trasferita all’Ospedale San Paolo per il visitare la Terapia Intensiva Cardiologica dove è stato realizzato il completo rifacimento di tutte le componenti tecniche con la razionalizzazione delle vie di distribuzione dei gas e della corrente, così che ogni singolo letto abbia a disposizione un numero idoneo di attacchi del gas e di prese della corrente tanto da rendere più facile e sicura la gestione dei pazienti, consentendo l’esecuzione di esami diagnostici ed interventi al letto del malato. I circa 500 ricoveri l’anno evidenziano pazienti sempre più complessi, che presentano pluri patologie e necessitano di maggiore assistenza.

L’attuale upgrading delle due sale di Terapia Intensiva ha portato, dopo 20 anni e più dalla loro costruzione, ad un miglioramento tecnologico, estetico ed ambientale rendendo più confortevole e piacevole la degenza dei  nostri pazienti.” Sostiene il Direttore dell’UTIC Prof. Carlo Sponzilli.

Ambienti tecnologicamente all’avanguardia e in grado di rispondere alle necessità dei migliori professionisti, con un’organizzazione snella e flessibile, garantiscono l’integrazione professionale e la presa in carico del paziente, dall’acuto al cronico. Questo è l’impegno che porteremo avanti per curare i cittadini.” Dichiara il DG Stocco.

Dichiarazione dell’Assessore Gallera “Il sostegno e l’attenzione di Regione Lombardia nei confronti della qualità delle cure e dei servizi socio sanitari erogati dagli Ospedali San Paolo e San Carlo  sono sempre altissimi e rappresentano una priorità. E anche oggi lo abbiamo messo in evidenza in modo concreto, a sostegno del grande lavoro dei professionisti  che lavorano in questi presidi e a beneficio dei cittadini.

Matteo Stocco e Stefano Carugo

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nome-foto
Pubblicità