18enne annegato forse per crisi epilettica. LICE: “L’acqua alta non scatena le crisi”

Manuel, il diciottenne scomparso per annegamento il 13 agosto scorso in Liguria, soffriva di di una forma non nota di epilessia. La Lega Italiana contro l’Epilessia: “E’ necessario vigilare chi soffre di gravi forme di epilessia, ma l’acqua alta non scatena le crisi”.

Roma, 3 settembre 2021

Chi soffre di Epilessia con crisi frequenti e il cui inizio è imprevedibile, va attentamente vigilato e mai lasciato solo in certi contesti, come può essere durante il bagno al mare. In questi casi esiste il rischio di annegamento anche in acque non profonde.

È necessario però chiarire che “il bagno, che sia in mare o nel lago o in piscina, anche in acqua alta, di per sé non rappresenta un fattore scatenante che può indurre le crisi, ma certamente un pericolo nel caso in cui la crisi si manifesti soprattutto se questa provoca la perdita di coscienza e del controllo motorio”.

È quanto dichiara da Laura Tassi, presidente della LICELega Italiana Contro l’Epilessia, a commento della vicenda del giovane Manuel, il diciottenne scomparso per annegamento il 13 agosto scorso in Liguria, fra Portofino e Camogli. Secondo le dichiarazioni della famiglia, Manuel, che in viaggio con il suo gruppo scout, soffriva di Epilessia, di una forma non nota.

Nuotare o fare un bagno al mare, ricorda LICE, non è assolutamente controindicato per chi soffre di Epilessia.

Salvo le attività più estreme, come per esempio l’arrampicata o le immersioni – spiega Laura Tassi – nessuna attività, anche sportiva, è vietata per le persone con Epilessia. È un falso mito, infatti, quello secondo cui chi è affetto da Epilessia non potrebbe fare attività all’aperto o sport anche in contesti non agonistici. Al contrario, anche per le Persone con Epilessia le attività cosiddette outdoor sono importanti perché riducono lo stress, l’ansia, la depressione, oltre a migliorare la qualità del sonno e la funzionalità cardiovascolare, sempre nel rispetto di regole e accorgimenti raccomandati dal proprio medico curante”.

In generale fare corsa, jogging, trekking in montagna o sport di squadra in spiaggia come il beach volley o il calcio non costituisce un rischio aggiuntivo per gli le Persone con Epilessia. Il nuoto, così come il ciclismo o la canoa, sono invece attività che riservano un rischio moderato e necessitano di qualche attenzione in più. Non sono attività assolutamente controindicate, ma è preferibile effettuarle in compagnia o comunque in una situazione di controllo e sicurezza.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
nome-foto
Pubblicità