AASI, coronavirus: proposta distribuzione mascherine pazienti immunodepressi

L’Associazione Autisti Soccorritori Italiani scrive alla Regione Siciliana e alle Aziende sanitarie e ospedaliere della Sicilia

Catania, 26 Aprile 2020

Riceviamo e pubblichiamo il testo della lettera dell’Associazione Autisti Soccorritori Italiani indirizzata all’Assessore regionale alla Salute della Regione Sicilia, Ruggero Razza, al Dirigente Generale del DASOE Assessorato alla salute Regione Sicilia, ai Direttori Generali delle Aziende sanitarie ed ospedaliere della regione Siciliana, ai Direttori Sanitarie della aziende sanitarie ed ospedaliere della regione Sicilia, al Presidente della Regione Sicilia On. Sebastiano Musumeci, al Presidente e ai Membri della VI Commissione ARS.

 

Spettabili Signori,

l’Associazione Autisti Soccorritori Italiani (AASI), attenta ai temi che quotidianamente interessano il settore del soccorso sanitario e dell’emergenza urgenza sanitaria della regione Sicilia. Ma anche attenta alle attività di assistenza socio sanitaria ai pazienti, oggi, con questa nota,

CHIEDE

alle SS.LL, ognuna per le proprie competenze e responsabilità, di valutare la nostra proposta sulla distribuzione di mascherine ai pazienti immunodepressi già assisti dalle aziende sanitarie provinciali ed ospedaliere della regione Sicilia.

L’AASI, formula questa proposta a tutela dei pazienti immunodepressi, in quanto nel quotidiano osserviamo che molti di loro chiedono assistenza al servizio emergenza urgenza sanitaria per piccoli e grandi problemi, ma che al nostro arrivo, molte volte non hanno la mascherina, quindi, proponiamo di inserire tra i presidi distribuiti dalle Asp e aziende ospedaliere (traverse, pannoloni, ecc) anche le mascherine chirurgiche per gli utenti, con il fine di garantire maggiore sicurezza per gli immunodepressi e per i loro famigliari. 

in attesa di un vostro gentile riscontro ed un contatto diretto, cogliamo l’occasione per inviare cordiali saluti.

Presidente A.A.S.I.
Dr. Stefano Casabianca

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *