Antonio Uricchio nuovo Presidente del Comitato Scientifico di SIMA

Antonio Felice Uricchio

Ieri la nomina del giurista, ex Rettore dell’Università di Bari.

Prof. Alessandro Miani, presidente SIMA: “Con questa autorevole guida si segneranno nuovi prestigiosi traguardi”.


Milano, 11 Aprile 2020

Il giurista Antonio Felice Uricchio, Professore ordinario di Diritto tributario, già Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” e membro del Direttivo dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR), è stato nominato ieri Presidente del Comitato scientifico della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA).

Il Comitato scientifico SIMA (http://www.simaonlus.it/?page_id=487) conta tra i suoi membri sette Rettori in carica, cinque ex Rettori e trentacinque tra professori, ricercatori ed esperti provenienti da primari atenei italiani e dal CNR. Tra questi spiccano personalità in tutti gli ambiti che concorrono a definire l’approccio multidisciplinare della Medicina ambientale: scienze biomediche, ingegneria ambientale, chimica analitica e dell’ambiente, agraria, economia, giurisprudenza, scienze ambientali, scienze dei materiali e delle costruzioni, architettura del verde e del paesaggio, urbanistica, geologia, climatologia, ingegneria elettrica e dell’informazione, scienze dello sport e dell’esercizio fisico, neuroscienze, biotecnologie, ecc.

Sono felice ed entusiasta per la nomina del Prof. Uricchio, di cui conosco le grandi capacità e le rare doti umane, al vertice del nostro Comitato Scientifico e sono certo – commenta il Prof. Alessandro Miani, Presidente SIMA – che con questa autorevole guida si segneranno nuovi prestigiosi traguardi. Ne approfitto per ringraziare tutti i membri del Comitato scientifico, che dal 2015, anno di fondazione di SIMA, ad oggi, hanno contribuito e continuano attivamente a contribuire al primato della nostra società scientifica”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *