Musumeci: "Ci vuole la voce grossa per ottenere legittimi diritti. Andiamo avanti e intanto per questo momento il pericolo è scongiurato"

Palermo, 23 Marzo 2020

Finalmente a Roma si sono svegliati, ci voleva la protesta dura e determinata. Allo Stretto di Messina il traffico si è normalizzato. Passa soltanto chi ha il diritto di passare, esattamente come prevedeva la mia ordinanza, quella del Presidente della Regione Calabria e quella del Governo nazionale“.

Lo dichiara il governatore Nello Musumeci, in un video sulla pagina Facebook della Regione Siciliana.

Sono pochissime – continua Musumecile persone che si sono presentate all’imbarco a Villa San Giovanni e che naturalmente sono state fermate e bloccate. E a Messina una decina sono state denunciate dall’Autorità Giudiziaria. È tornata una situazione di normalità e questo grazie a uno spiegamento di forze che nelle ultime ore, dopo la nostra protesta di ieri notte, è stato predisposto a Villa San Giovanni, mentre a Messina continuano a lavorare le guardie regionali del Corpo forestale che già avevamo mandato sin dal primo giorno“.

Sono contento – conclude il Presidente – mi ha chiamato il Prefetto di Reggio Calabria per rassicurarmi, la stessa cosa ha fatto il Prefetto di Messina. Ci vuole la voce grossa per ottenere legittimi diritti. Andiamo avanti e intanto per questo momento il pericolo è scongiurato“.

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Secondo me il presidente musumeci dovrebbe preoccuparsi più approfonditamente del problema del traffico di mezzi nello stretto di Messina. Personalmente io chiederei al governo di permettere solo 2 corse al giorno di un solo traghetto per il passaggio solo dei mezzi che trasportano derrate alimentari e controller ogni autista ed eventuali passeggeri dei camion per verificare che siano aiutanti e non passeggeri. Se vogliamo che i sacrifici dello stare al casa non siano vani fermiamo qualunque arrivo dal nord. Insomma non portiamo i il virus in casa ammesso che non sia già dietro la porta di casa.