Massimiliano Cavallo, uno dei maggiori esperti italiani di Public Speaking: “Condivisione, motivazione degli alunni e coinvolgimento, questi gli obiettivi per aumentare l’attenzione degli studenti”


Roma, 6 Novembre 2020

Guardare la webcam, ideare nuove forme di coinvolgimento, puntare sulle immagini, concentrarsi sul linguaggio e sul movimento delle mani. Questi sono solo alcuni dei consigli pratici rivolti ai docenti per aumentare l’efficacia della didattica a distanza, diffusi da Massimiliano Cavallo, uno dei maggiori esperti italiani di Public Speaking e autore del libro “Parlare in pubblico senza Paura” edizioni Anteprima.

Lo scorso marzo i docenti italiani hanno sperimentato per la prima volta la didattica a distanza e non sempre è andata bene”, dice Cavallo. “Ora che molti studenti si ritrovano ancora una volta alle prese con questa esperienza, sarebbe auspicabile da parte dei docenti prepararsi e superare tutte le difficoltà che questa modalità di formazione comporta”, aggiunge. Tre le parole d’ordine: “condivisione, motivazione degli alunni e coinvolgimento”, sottolinea Cavallo. “Sono questi i presupposti che permetteranno al docente di ottenere l’attenzione e il rispetto degli alunni senza forzature”, aggiunge.

Massimiliano Cavallo

Certo gli ostacoli che i docenti sono chiamati a superare nella didattica a distanza sono tanti: dallo scoraggiamento di ragazzi e bambini costretti a rimanere in casa alla paura per il momento che stanno vivendo fino all’incertezza per il futuro dell’anno scolastico e all’impossibilità di poter socializzare con i propri compagni in classe. “Nello specifico, il docente durante la lezione deve fare attenzione alla naturale stanchezza degli alunni a dover sostenere lezioni davanti a un pc o spesso davanti a un cellulare, deve lottare con le frequenti distrazioni che un alunno può avere in casa, a cominciare dalla possibilità di poter utilizzare lo smartphone con maggiori occasioni di non essere visto”, dice Cavallo“E poi non tutti i docenti sono preparati a una didattica di questo tipo”, aggiunge.

Per questo Cavallo elenca una serie di consigli pratici utili per i docenti. L’obiettivo è quello di “conquistare” gli studenti anche con la didattica a distanza:

Guardare la webcam. Proprio come se si avessero di fronte gli alunni. “Il contatto visivo è fondamentale in una lezione dal vivo e lo è ancora di più quando ci si trova davanti a uno schermo”, spiega Cavallo. “Bisogna quindi evitare di guardare nel vuoto o di leggere il testo ma bisogna guardare gli alunni ‘virtualmente’ nei loro occhi. Ciò permette di trasmettere meglio il proprio messaggio”.

Ideare nuove forme di coinvolgimento. Usare, ad esempio, oggetti di uso comune presenti in casa, che possano aiutare – spiega Cavallo a far comprendere meglio la lezione e possano ‘sorprendere’ gli alunni o farli usare a loro. Oppure far sentire suoni che hanno a che fare con quanto si spiega o usare scritte su un foglio (o su più fogli) al posto di slide o di sola oralità. L’effetto sorpresa permetterà agli alunni di essere coinvolti e susciterà interesse ad ogni lezione per scoprire la novità che il docente ha in serbo per loro”.

Utilizzare video. “Magari tratti da celebri film che, ad esempio, possano essere di supporto alla lezione”, suggerisce l’esperto.

Puntare sulle immagini. “La vista è 25 volte più veloce degli altri sensi. Non a caso – spiega Cavallo – dedichiamo il 50% dei processi cognitivi per elaborare contenuti visuali. Un’immagine viene interpretata dal cervello antico e intermedio in circa 100 millisecondi”.

Creare suspance. “Potrebbe essere utile lasciare in sospeso un argomento, che si riprenderà dopo, e passare ad un altro per alzare l’attenzione e creare attesa”, consiglia Cavallo.

Fare domande. Lo scopo è quello di coinvolgere gli studenti. “In questo modo vengono stimolati. Per loro – dice Cavallo – può diventare quasi un gioco, del tipo ‘cosa hanno in comune x e y?’, dove i due elementi possano sembrare inizialmente non collegati tra loro. Si spiegherà quindi la connessione”.

Usare lo smartphone. “Trasformarlo da amico ad ‘alleato’ della lezione”, suggerisce l’esperto. “Si può, per esempio, chiedere agli alunni di cercare una notizia o una parola chiave su Google, farli navigare su un sito specifico, trovare un’immagine legata alla lezione, ecc.”, aggiunge.

Lanciare sondaggi. Si può iniziare una frase e farla completare da uno degli alunni”, suggerisce Cavallo.

Preparare la lezione. Non improvvisare solo perché si è padroni della materia”, sottolinea l’esperto. “I tempi della didattica cambiano quando ci si trova davanti a un pc e bisogna adattare quindi la propria lezione prevedendo anche eventuali imprevisti (es. collegamento internet assente) e chiedere agli alunni non coinvolti in un dialogo di spegnere i microfoni per evitare confusione”, aggiunge.

Ritmi veloci. Secondo l’esperto, il ritmo dell’eloquio deve essere più veloce di quello che si tiene in aula. “Ma non troppo e deve variare: le parole devono essere articolate bene per essere comprese meglio, visto che spesso l’audio non arriva pulito agli alunni”, sottolinea Cavallo.

Raccontare storie. Ovviamente devono avere che fare con la lezione: le storie hanno il potere di farsi ascoltare e di sedimentarsi nella memoria degli utenti”, evidenzia Cavallo.

Raccontare aneddoti personali. Serve a ‘mettere a nudo’ il docente e a creare empatia”, suggerisce l’esperto.

Muovere le mani. Secondo Cavallo, è come il grassetto in un testo. “Evidenzia un passaggio, ma occhio a non esagerare: creano confusione e distrazione. Quindi, non essere immobile – spiega – ma non gesticolare troppo”.

Usare focalizzatori di attenzione. Sono semplici passaggi, come “ascoltate bene ora”, “questa parte è importante”, “quello che sto per dirvi e fondamentale”.

Semplificare il linguaggio. Oltre a un linguaggio semplice, è bene usare frasi brevi e non troppo lunghe che possano confondere gli alunni e far perdere il filo al docente”, dice Cavallo.

Un ultimo consiglio ma forse il più importante: la didattica a distanza è certamente noiosa ma se il docente per primo non trasmette motivazione agli alunni, difficilmente questi potranno essere motivati a loro volta. “Per questo, bisogna trasmettere passione per la propria materia come se si fosse in aula, cercando di avere dagli studenti una risposta di coinvolgimento e motivazione”, conclude Cavallo.

Per info: www.massimilianocavallo.com 

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *