Covid-19: nei bambini gli anticorpi dopo l’infezione durano di più

Due studi lo confermano: gli anticorpi contro il Covid-19 nei bambini, che hanno contratto l’infezione, durano in media più che negli adulti, per 7-8 mesi.

Di Melania Sorbera

I due studi che ne danno notizia sono quello pubblicato sulla rivista “Pediatrics”, dell'”American Academy of Pediatrics” e quello dell'”Istituto scientifico universitario San Raffaele” di Milano. Il primo, condotto dall'”University of Texas” a Houston, ha rilevato i dati di 218 bambini di età compresa fra 5 e 19 anni, in tre diversi momenti storici.

Il primo quando non esistevano ancora i vaccini, il secondo quando circolava la variante Delta, il terzo quando circolava la variante Omicron. I risultati hanno evidenziato che nel 96% dei casi, i bambini e gli adolescenti, che avevano avuto l’infezione hanno mantenuto gli anticorpi contro il Sars-CoV-2 per almeno 7 mesi. I dati sono stati raccolti attraverso dei prelievi di sangue separati.

Nello studio condotto dai medici che lavorano per la struttura italiana, invece, si è scoperto che gli anticorpi neutralizzanti contro il Coronavirus restano in circolazione per almeno 8 mesi dopo l’infezione. Al centro di questa analisi vi sono però i bambini al di sotto dei 3 anni di età. Sono circa 70 i bambini monitorati. In questo studio, nonostante la diminuzione delle IgG, le immunoglobuline G, nel tempo, gli anticorpi contro il Covid-19 sono risultati persistenti fino a 7-8 mesi nei bambini, mentre gli adulti hanno registrato un modesto trend di diminuzione. I bambini sotto i 6 anni di età, e in particolare sotto i 3 anni, hanno sviluppato livelli di lunga durata maggiori anche  rispetto ai fratelli maggiori e agli adulti.

Lo studio è stato condotto dal 1° marzo al 4 settembre 2020 e ha coinvolto 57 nuclei familiari che durante quel periodo sono stati curati all’ospedale universitario di Padova. Anche qui i pazienti sono stati sottoposti a prelievi di sangue, sia per la quantificazione degli anticorpi neutralizzanti, sia per la rilevazione della proteina IgG/IgM anti-nucleocapside-spike

Se è vero che non tutti i soggetti che contraggono l’infezione sviluppano anticorpi neutralizzanti, è anche vero che quanto emerso dagli studi finora dimostra un’immunità naturale che va da 3-5 mesi per tutti coloro che hanno contratto il virus. Questa immunità in alcuni adulti può durare fino a 8-9 mesi. I risultati dei due studi in questione spingono la comunità scientifica a monitorare i correlati di protezione abbinati all’età e al tempo per tradurre ulteriormente i dati sierologici in elementi utili per la progettazione di vaccini e campagne di immunizzazione per SARS-CoV-2 più efficaci sia per gli adulti che e soprattutto per i bambini stessi.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Canali 15 e 81 del DGTV in Sicilia

Pubblicità