Derivati della cannabis ed epilessie

Il Cannabidiolo, negli ultimi anni, ha destato grande interesse come ulteriore soluzione terapeutica per il trattamento di alcune Epilessie farmaco-resistenti.
La Lega Italiana Contro l’Epilessia – LICE ribadisce l’importanza di affidarsi sempre al proprio medico specialista nella gestione dell’epilessia per la definizione della corretta terapia.

Roma, 19 ottobre 2021

La Lega Italiana Contro l’Epilessia (LICE) ribadisce l’importanza di affidarsi sempre a neurologi, neuropsichiatri infantili e pediatri particolarmente esperti nella diagnosi e nella cura delle Epilessie (i cosiddetti “epilettologi”), soprattutto quando si tratta di impostare e monitorare la complessa terapia delle forme rare e severe. Ogni paziente presenta una storia clinica differente e solo un medico esperto nella gestione delle epilessie è in grado di stabilire il percorso terapeutico più idoneo.

Questo concetto, sempre valido, è oltremodo rilevante quando si ha a che fare con i derivati della Cannabis e, nello specifico, con il Cannabidiolo (CBD), molecola che negli ultimi anni ha destato grande interesse come ulteriore soluzione terapeutica per il trattamento di alcune Epilessie farmaco-resistenti.

Assistiamo con preoccupazione ad una escalation della pubblicità di prodotti contenenti derivati della Cannabis, il più delle volte senza avere nemmeno la certezza della qualità e della quantità dei principi attivi contenuti nei prodotti stessi, venduti per lo più attraverso Internet. Molti medici, privi delle corrette credenziali cliniche e scientifiche nel settore dell’Epilessia, si presentano come esperti sia della patologia che della sua cura, inducendo a rischiosi tentativi terapeutici con sostanze che possono causare anche gravi conseguenze e riguardo le quali non esistono studi di efficacia e sicurezza. Infine, sono già state presentate specifiche richieste alle Istituzioni a livello regionale per estendere l’utilizzo della “Cannabis Medica” per qualunque forma di Epilessia, pur in assenza di evidenze scientifiche”, questa la dichiarazione della Presidente LICE Laura Tassi.

La prescrizione di una terapia a base di Cannabidiolo (CBD) per trattare le crisi epilettiche da parte di un medico non esperto nella gestione delle epilessie è potenzialmente pericolosa e controproducente. Malgrado non abbia effetti psicotropi come altri cannabinoidi (es. THC), il Cannabidiolo (CBD) non deve essere considerato innocuo (al pari di qualsiasi altro farmaco e sostanza), poiché presenta rischi concreti (effetti collaterali, interazioni farmaco-farmaco) se non utilizzato sotto il controllo di un epilettologo esperto. Numerose variabili possono influenzare l’esposizione ai rischi o ai benefici del Cannabidiolo (CBD), aspetti che possono essere gestiti principalmente attraverso la prescrizione ed il corretto monitoraggio da parte del proprio medico specialista. Infine, si ricorda che, ad oggi, le evidenze scientifiche hanno dimostrato l’efficacia del Cannabidiolo (CBD) come preparato farmaceutico soltanto in alcune rare forme di epilessia e, malgrado sia verosimile che ci possano essere benefici clinici anche in altre forme di epilessia, ciò non è al momento provato.

Ancor meno nota è l’efficacia e la tossicità di altri principi attivi presenti nei derivati della cannabis.

Pertanto, le evidenze scientifiche a supporto dell’uso di Cannabidiolo (CBD) come preparato farmaceutico, non possono e non devono essere estese anche all’utilizzo della Cannabis – genericamente definita – Terapeutica o Medicinale in altre forme di Epilessia, sia per la presenza in essa di altri cannabinoidi che potrebbero avere effetti opposti rispetto a quelli desiderati (anche pro-convulsivanti), sia perché in questo campo sono assenti dati a supporto di un favorevole rapporto rischio/beneficio. Si ricorda infatti che in considerazione delle evidenze scientifiche fino ad ora prodotte, l’uso medico della Cannabis può rappresentare un trattamento sintomatico di supporto ai trattamenti standard, quando questi ultimi non hanno prodotto gli effetti desiderati, o hanno provocato effetti secondari non tollerabili, o necessitino di incrementi posologici che potrebbero determinare la comparsa di effetti collaterali.

Il Past-President di LICE Oriano Mecarelli conclude: “Questi ultimi due anni di pandemia ci hanno ancor più insegnato quanto siano importanti i progressi della ricerca scientifica e le conseguenti applicazioni in ambito clinico. Affidiamoci sempre al medico specialista nella diagnosi e cura delle diverse forme di Epilessia: egli è il solo che potrà consigliare le soluzioni terapeutiche migliori, basate sulle evidenze scientifiche, e quindi con profili di sicurezza ed efficacia documentati e approvate dalle competenti autorità regolatorie”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nome-foto
Pubblicità