Diabete di tipo 2: Studio Credence, un nuovo farmaco per ridurre del 30-40% il rischio di incorrere in malattia renale

La terapia con il canagliflozin, nei pazienti con DT2 e nefropatia, è in grado di ridurre significativamente il rischio di progressione della malattia renale e la malattia renale terminale, nonché il rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco e ictus


16 Giugno 2020

La malattia renale diabetica si sviluppa in circa il 40% dei pazienti diabetici ed è la principale causa di malattia renale cronica in tutto il mondo. Sebbene la terapia sostitutiva renale, ossia la dialisi, possa essere la conseguenza più riconoscibile della malattia renale diabetica, la maggior parte dei pazienti muore prima di iniziare la dialisi per eventi cardiovascolari spesso correlati al danno renale anche se di grado moderato. Questo accade perché le attuali terapie oggi disponibili per la nefroprotezione (ACE-inibitori e sartani) lasciano circa il 50% dei pazienti ad alto rischio residuo di insorgenza e progressione di malattia renale diabetica.

 

LO STUDIO CREDENCE

In questo scenario così buio e incerto, potrebbe arrivare a luglio, in Italia, una nuova indicazione dell’inibitore di SGLT2 canagliflozin che è in grado di ridurre significativamente il rischio di progressione della malattia renale e della malattia renale in fase dialitica, nonché il rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco e l’incidenza di ictus. Gli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio 2 (iSGLT2) sono farmaci anti-iperglicemici che, in corso di studi di sicurezza cardiovascolare, hanno dimostrato la capacità di ridurre l’incidenza di eventi cardiovascolari. Lo studio CREDENCE (Canaglifozin and Renal Events in Diabetes with Estabilished Nephropaty Clinical Evaluation), condotto da V. Perkovic e pubblicato ad aprile 2019 sul New England Journal of Medicine, ha dimostrato gli effetti positivi renalidi canagliflozin in pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica con macroalbuminuria.

Luca De Nicola

Avere la possibilità di estendere a questi pazienti la prescrizione di un farmaco che è dotato di proprietà sia nefro che cardio protettive è di una importanza enorme – sottolinea il Prof. Luca De Nicola – Basterebbe pensare al fatto che i farmaci attualmente a disposizione per la protezione d’organo (reni e cuore) nel diabete risalgono a più di vent’anni fa. Da allora c’è stato un grave vuoto. Poi, cinque anni fa sono arrivati i risultati degli studi con gli SGLT2 inibitori, come l’EMPAREG, il DECLARE ed il CANVAS, mirati alla sicurezza cardiovascolare degli inibitori di SGLT2nei pazienti diabetici. Nello studiare questi farmaci, infatti, hanno notato non soltanto un effetto ipoglicemizzante, ma anche di protezione cardiaca e renale“.

 

I RISULTATI DELLO STUDIO

Sono stati reclutati 4401 pazienti con DT2, malattia renale cronica e filtrato glomerulare e-GFR stimato con formula CKD-EPI compreso fra 30 e 90 ml/min per 1,73 m2 e macroalbuminuria, in terapia stabile con ACE-inibitore o sartano, randomizzati a ricevere canagliflozin 100 mg/die o placebo. Lo studio è stato interrotto precocemente per la chiara evidenza di beneficio legato al trattamento per quanto riguardava l’outcome primario; l’incidenza dell’outcome primario composito è stata significativamente più bassa nel gruppo canagliflozin con, in particolare, una riduzione del 40% del rischio di raddoppio dei livelli basali di creatinina e del 32% del rischio di malattia renale terminale. Sulla base di questi risultati nei pazienti con diabete di tipo 2 e nefropatia, la terapia con il canagliflozin è in grado di ridurre significativamente il rischio di progressione della malattia renale e la malattia renale terminale, nonché il rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco e per ictus.

Ci aspettiamo tutti, come già stabilito da FDA negli Stati Uniti, che anche AIFA in Italia consenta il cambio di indicazione – dichiara il Prof. Luca De Nicola – così che si possa prescrivere il canagliflozin 100 anche in persone che hanno una ridotta funzione renale. Questo si aggiungerebbe alla terapia con ACE inibitori e Sartani, che restano i nostri farmaci di riferimento per la protezione del paziente con malattia renale. Il plus valore di questo nuovo farmaco è la sua sicurezza: se ACE inibitori e Sartani, infatti, possono provocare anche insufficienza renale acuta e iperpotassiemia, determinando la sospensione del farmaco, gli inibitori del SGLT-2, invece, rallentano la malattia renale in sicurezza“.

 

UN CAMBIAMENTO PER STILE DI VITA E PER COSTI PER IL SSN

Di base la progressione della malattia renale si associa a una perdita di qualità di vita: il paziente non si sente bene, la pressione tende a salire, diventa anemico e debole. Potrebbe anche arrivare alla dialisi, trattamento oggi effettuato in circa 45mila italiani. Questi pazienti si devono essere trattati in ospedale alterni tre volte alla settimana per 4 ore a seduta.

Una vita che va avanti così fino a quando non si può ottenere un trapianto renale – conclude De Nicola – Ma si tratta di una ipotesi che può anche richiedere 5-6 anni per avverarsi. Alto, quindi, anche il rischio di mortalità. Importanti, infine, i risvolti economici: la malattia renale, in fatto di farmaci, ricoveri e ospedalizzazioni, è molto costosa. E se arriva allo stato di dialisi, il paziente costa al Sistema Sanitario Nazionale circa 40-50mila euro l’anno. Ridurre la progressione della malattia, quindi, significa non solo migliorare lo stile di vita del paziente e ridurne il rischio di mortalità, ma anche aiutare l’intero SSN“.

 

L’IMPEGNO CONTRO LE COMPLICANZE NEL DIABETE

L’emergenza Covid19 ha concentrato tutte le attenzioni e ogni sforzo sulla pandemia, ma chi come noi opera da sempre nel settore medico-scientifico non ha perso di vista altre patologie croniche di estrema gravità come il diabete – sottolinea Sabrina Cremascoli, General Manager Mundipharma Pharmaceuticals Italia. – La lotta al diabete e alle sue complicanze rappresenta un punto cruciale per la salute globale, sia per il numero di soggetti coinvolti, sia per le conseguenze che può provocare. Anche questi mesi hanno evidenziato la fragilità dei pazienti diabetici, tra le categorie a più alto rischio di mortalità durante l’emergenza Covid; in tale contesto, il nostro impegno continua ad essere quello di migliorare la qualità di vita dei pazienti con sempre nuove soluzioni che permettano altresì la sostenibilità del sistema sanitario” .

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *