Malore Eriksen, LICE: “Epilessia possibile ad ogni età, ma da escludere per il giocatore danese”

La LICE – Lega Italiana Contro l’Epilessia, interviene sul caso del malore al giocatore Christian Eriksen: “Non tutte le perdite di coscienza sono crisi epilettiche: il soccorso al malato cambia a seconda della patologia!! E’ assolutamente scorretto e pericoloso, in caso di crisi epilettiche, forzare l’apertura della bocca per sollevare o tirare la lingua”

Roma, 15 giugno 2021

Le crisi epilettiche possono esordire e manifestarsi a qualsiasi età, anche all’improvviso a 29 anni, l’età del giocatore danese Eriksen. Tuttavia non ci sono evidenze cliniche che spingano a favore di una diagnosi legata ad una patologia neurologica e tanto meno ad una crisi epilettica. La manovra con cui è pare sia stato soccorso il giocatore danese Eriksen con l’apertura forzata della bocca per liberare le prime vie aeree spostando la lingua, è assolutamente controindicata in caso di crisi epilettica, contrariamente ad un luogo comune purtroppo ancora troppo diffuso”.

È quanto commenta Laura Tassi, presidente LICE – Lega Italiana Contro l’Epilessia, che non considera valida l’Epilessia come una delle ipotesi avanzate da alcuni esperti e organi di stampa per spiegare il malore avvenuto al giocatore della nazionale danese Christian Eriksen durante il match del campionato europeo tra Danimarca e Finlandia.

Al contrario – continua Laura Tassi per quanto noto al giocatore è stato praticato un massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca, manovre che non sono praticabili in caso di crisi epilettica soprattutto se convulsiva, ma indicate in caso di arresto cardiaco come probabilmente accaduto. È bene specificare che fenomeni epilettici, contrariamente da come sostenuto in questi giorni anche da alcuni colleghi, possono comparire a qualsiasi età e per le cause più diverse. Tuttavia, in questo caso le circostanze dell’accaduto fanno pensare che non si sia trattato di una crisi epilettica”.

In caso di crisi epilettiche e di soccorsi ad una persona colpita da una crisi, ricorda la LICEintrodurre un oggetto nella bocca non è una manovra consigliabile nè tantomeno utile alla persona mentre è pericolosa per chi la pratica e chi la subisce. È un falso mito, infatti, la necessità di bloccare la lingua (con un oggetto o con le mani) per facilitare il respiro o evitare il soffocamento. È invece consigliabile non cercare di immobilizzare il soggetto, trattenendo braccia e gambe, pensando di arrestare la crisi. È bene mettere qualcosa di morbido sotto il capo per evitare eventuali contusioni e girare il paziente su un fianco appena possibile per far defluire la saliva dalla bocca. Bisogna poi attendere che la crisi si concluda e offrire sostegno ed aiuto.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nome-foto
Pubblicità