Minori stranieri non accompagnati, Zampa e Cnoas: “Protocollo per la determinazione dell’età, atto importante”

La Sottosegretaria di Stato alla Salute e la consigliera Cnoas: “Ok della Conferenza Stato Regioni all’equipe multidisciplinare e multiprofessionale per i minori stranieri non accompagnati”


Roma, 10 Luglio 2020

Il via libera al protocollo per la determinazione dell’età dei minori stranieri non accompagnati, raggiunto oggi in Conferenza Stato Regioni è una bella notizia che condividiamo prima di tutto con la Sottosegretaria di Stato alla Salute, Sandra Zampa, autrice della legge 47 del 2017. La composizione e le modalità operative dell’équipe multidisciplinare e multiprofessionale, ci vede protagonisti come avevamo richiesto e come facciamo da anni seppure in assenza di atti attuativi che arrivano soltanto oggi”.

Maria Concetta Storaci, consigliera Cnoas sottolinea l’importanza dell’atto deliberato dalla Conferenza Stato Regioni.

Abbiamo lottato e lavorato per avere una legge a tutela dei minori soli migranti e sarebbe stato davvero assurdo vederne depotenziato il potenziale di cambiamento per l’assenza di un protocollo – aggiunge la Sottosegretaria ZampaQuesto accordo è così importante perché riguarda un aspetto decisivo per alcuni dei tanti ragazzi soli costretti a migrare: rientrare o meno nella minore età fa la differenza per il loro destino ed era giusto predisporre, come previsto dalla legge, uno strumento scientifico per l’accertamento dell’età.

Ringrazio il Ministro Speranza  – conclude Zampaper avere accelerato la conclusione di un iter burocratico davvero troppo lungo: la legge è stata approvata tre anni fa e questo deve farci riflettere sulle lentezze del sistema”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *