NovaVido, attualmente incubata e accelerata in G-factor di Fondazione Golinelli, nasce da un progetto di ricerca sviluppato lungo 10 anni dall’Istituto Italiano di Tecnologia con la collaborazione dell’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, a Verona. Il progetto si basa sull’utilizzo di protesi retiniche polimeriche per il recupero della vista. La tecnologia, innovativa e rivoluzionaria nel suo campo, potrebbe migliorare le condizioni di vita di migliaia di persone in tutto il mondo. Ne parliamo con Giovanni Manfredi, amministratore delegato di NovaVido.

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Vorrei sapere se queste retine artificiali possono essere applicate anche a un occhio in stato di ipovisione provocato da un distacco di retina,grazie e spero in vostra risposta.

nome-foto
Pubblicità