Nuovo ospedale di Siracusa: l’Assessore Razza incontra la delegazione siracusana del Centro Destra

All'Assessore è stata prospettata la necessità di determinare un finanziamento maggiormente adeguato ad un aumento di posti letto sul capoluogo della provincia

Palermo, 25 Luglio 2019

Ho raccolto e condiviso, come avevamo sempre affermato, la richiesta di procedere il più velocemente possibile per dare a Siracusa un nuovo ospedale, la cui localizzazione dovrà essere rapidamente individuata, ed una sanità degna del nostro tempo. Questa è stata sempre la indicazione che mi ha impartito il Presidente della Regione”. Lo dice l’Assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza al termine dell’incontro con la delegazione siracusana del Centro Destra.

Alla riunione erano presenti l’On. Stefania Prestigiacomo, il Presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, l’On. Bruno Alicata, l’On. Vincenzo Vinciullo, Gianluca Scrofani, i consiglieri Mauro Basile e Gianmarco Vaccarisi ed il Direttore generale dell’Asp di Siracusa, Salvatore Lucio Ficarra

Mi è stata prospettata – prosegue Razza a maggior significato di una effettiva decisione di realizzare l’ospedale di Siracusa come DEA di II Livello, la necessità di determinare un finanziamento maggiormente adeguato ad un aumento di posti letto sul capoluogo della provincia. Tale richiesta appare ampiamente condivisibile e di offrire a tal fine una maggiore dotazione di posti letto, traendoli dalla riserva posta nella rete ospedaliera, sottoponendo la stessa alla valutazione dei competenti Ministeri”.

Razza ha anticipato che dopo il parere della Commissione Sanità dell’Ars, provvederà “ad adottare il conseguente decreto e trasmettere gli atti al Nucleo Investimenti del Ministero della Salute”.

L’Assessore regionale alla Salute ha poi ricordato che nei giorni scorsi “il Ministro della Salute ha personalmente invitato ad una maggiore attenzione verso Siracusa, che da decenni sconta un effettivo depotenziamento”.

A tutte le forze politiche e sociali – conclude l’Assessore – desidero confermare il desiderio del nostro governo di recuperare gli anni perduti con una pianificazione adeguata”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *