Prevenzione ambientale: società di diritto inglese scommette su Radoff, startup bolognese specializzata nella lotta al gas Radon

Un Fondo inglese si sta preparando al controllo di Radoff Srl che, dopo anni di ricerca, ha messo a punto il primo e unico dispositivo al mondo per il monitoraggio e la bonifica in ambiente indoor del Radon, gas radioattivo incolore e inodore, considerato la seconda causa di morte per tumore al polmone


Bologna, 13 Dicembre 2019

La tecnologia brevettata “Made in Italy” per la lotta al gas Radon e per il monitoraggio complessivo della qualità dell’aria indoor conquista il Regno Unito. Un Fondo inglese si sta, infatti, preparando al controllo di Radoff Srl, startup innovativa con sedi a Bologna e in Sardegna che, dopo anni di ricerca, ha messo a punto il primo e unico dispositivo al mondo per il monitoraggio e la bonifica in ambiente indoor del Radon, gas radioattivo incolore e inodore, considerato la seconda causa di morte per tumore al polmone dopo il fumo di sigaretta, con oltre 3mila decessi all’anno solo nel nostro Paese.

Il processo di acquisizione prenderà il via nei prossimi giorni con un primo “round” di investimenti attraverso CrowdFundMe, il portale di equity crowdfunding quotato alla Borsa italiana. A destare l’interesse degli investitori inglesi è stato l’alto livello di innovazione dei device Radoff, che uniscono tecnologia IoT, Big Data e intelligenza artificiale per offrire un’interfaccia smart e dinamica, e la mission della startup, da sempre focalizzata sul tema della sicurezza in ambienti confinanti – come, per esempio, casa, ufficio, scuola – e sul miglioramento della qualità della vita e del benessere indoor.

Per noi si tratta dell’apice del nostro percorso – commenta Domenico Cassitta, Amministratore Delegato di Radoff – che giunge a coronamento di un anno ricco di soddisfazioni. In questi mesi siamo stati tra i finalisti della 4a edizione del ‘Premio Cambiamenti’, promosso da CNA nazionale, e del progetto ‘R2I’ (Research to Innovation), nato per dare supporto alle iniziative di trasferimento tecnologico nel nostro Paese, promuovendo lo sviluppo di servizi e prodotti innovativi, a cominciare dalle tecnologie di frontiera nell’ambito della ricerca sulla fisica delle particelle: opportunità che consentirà al nostro team di usufruire delle tecnologie all’avanguardia messe a disposizione dal CERN di Ginevra e dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, per portare avanti la battaglia e la ricerca di soluzioni contro il gas Radon. Inoltre, siamo stati selezionati per la finale dell’’Iren Startup Award’, evento promosso da Iren e dall’Innovation Center di Intesa Sanpaolo, e del roadshow di ‘B Heroes’ destinato alle migliori startup italiane. Infine, abbiamo recentemente siglato una partnership con Dussmann, multinazionale specializzata nel campo del facility management e dei servizi integrati”.

Il mio ringraziamento – continua Cassittava alla Società Italiana di Medicina Ambientale per averci introdotto al Fondo, e allo staff di CrowdFundMe, che ci ha egregiamente supportato in questo percorso per noi nuovo ma estremamente stimolante. Un grande ringraziamento, infine, a tutto il team di Radoff, per il lavoro, l’infinita passione e l’impegno profusi negli ultimi anni”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *