Per raggiungere ancora più italiani, rispondere alle richieste di educazione e cura della salute orale, continuare a proteggere la salute dentale di grandi e piccini, in tempi di pandemia da Covid-19 continua la “Campagna per la Protezione dello Smalto” promossa da Biorepair in collaborazione con AIDIPro, SUSO, U.N.I.D. e il patrocinio del Corso di Studi in Igiene Dentale dell’Università degli Studi di Milano.
Fino al 31 ottobre 2020 è possibile prenotare in tutta Italia check up on web e consulti in studio.

Milano, 28 Settembre 2020

Tante le richieste ricevute in tutta Italia per accedere al check up dentale on web o in studio, nel rispetto delle normative anti-pandemia, e il successo della “Campagna per la protezione dello smalto” cui gli italiani hanno risposto con entusiasmo e interesse per prendersi cura della propria salute orale anche durante il Covid-19!

Per rispondere alle richieste degli italiani di tutta la penisola, la “Campagna per la protezione dello smalto” si estende infatti fino al 31 ottobre 2020. Proseguono quindi i check up personalizzati  via Skype, Whatsapp, Google Hangout, Facebook, Telegram e le consulenze anche in studio offerte dalla  “Campagna per la protezione dello smalto”, l’iniziativa Biorepair realizzata in collaborazione con AIDIPro (Associazione Igienisti Dentali Italiani per la professione), SUSO (Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia), U.N.I.D. (Unione Nazionale Igienisti Dentali), e con il patrocinio del Corso di Studi in Igiene Dentale dell’Università degli Studi di Milano.

Odontoiatri, Ortodontisti e Igienisti Dentali disponibili fino al 31 ottobre in tutta Italia per proteggere i denti e prevenire sensibilità e carie di adulti e bambini!

Partecipare e prenotare i check up è molto semplice: basta consultare il sito www.campagnaprotezionesmalto.it, selezionare il professionista più vicino a te e ricevere un codice da comunicare nel momento in cui si concorda la data dell’appuntamento per la consulenza. Per ricevere il codice di prenotazione si può anche telefonare e chiedere supporto al n. 02.58299801, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 18.

I check up on web possono essere realizzati da remoto via Skype, Whatsapp, Google Hangout, Facebook, Telegram ed essere estesi a tutti i componenti della famiglia: chiedendo un codice per singolo membro. La consulenza deve essere prenotata ed effettuata entro il 31 ottobre 2020.

Le consulenze personalizzate potranno essere prenotate e realizzate anche in studio nel rispetto delle norme anti-pandemia.

I check up possono essere effettuati da tutta la famiglia!

 

COSA PUO’ NASCONDERE LO SMALTO DIETRO A UN SORRISO? Scopriamolo insieme

Lo smalto dentale è il tessuto più duro del corpo

Lo smalto è Il tessuto più duro e mineralizzato dell’organismo. Ricopre i denti ed è considerato il materiale più resistente tra i biogenici. È composto per il 97% da grossi cristalli prismatici di idrossiapatite ad alto grado di cristallinità e solo per il restante 3% da fibre organiche, può resistere al carico masticatorio e grazie all’elasticità della dentina sottostante non si frattura facilmente. Protegge naturalmente il dente dall’azione degli acidi della placca e/o degli alimenti.

 

Gli acidi favoriscono il processo di erosione dello smalto

Lo smalto dentale è solubile agli acidi. Quando gli acidi attaccano la componente minerale dello smalto, dissolvendola, si innesca il processo di demineralizzazione, che è la causa principale della carie dentale.

L’assunzione di cibi acidi e ricchi di zucchero concorre alla demineralizzazione dello smalto che comporta la formazione di micro-scalfitture, non visibili ad occhio nudo, microambiente ideale per la crescita batterica. L’erosione dello smalto è progressiva, invisibile e asintomatica, in fase iniziale, che può aggravarsi portando alla comparsa di sensibilità dentinale e carie, compromettendo l’estetica del sorriso.

 

Il colore dei denti non dipende dallo smalto

Il colore dei denti non è dovuto allo smalto dentale, ma alla sottostante dentina. Lo smalto è traslucido e lascia trasparire il colore della dentina che può conferire sfumature di colore bianco, grigio, giallo, rossastro, marrone in base alle caratteristiche genetiche. Il colore dei denti, in relazione alle diverse fonti di luce, può variare. Lo smalto, infatti, partecipa alla “formazione” del colore percepito dal nostro occhio che devia la luce in infiniti modi (fenomeno della rifrazione). L’individuazione di una zona opaca sullo smalto può permettere l’intercettazione precoce di un processo carioso.  

 

La carie dentale si forma nello smalto

Nei denti sani l’idrossiapatite presente nello smalto è suddivisa in strati ad alte intensità e durezza che garantiscono l’integrità dei denti. La carie si forma quando gli zuccheri a contatto con i batteri, producono acidi che erodono lo smalto dentale, inducendo un processo di demineralizzazione più veloce della remineralizzazione. Se non curato il processo carioso prosegue lungo la dentina, fino a penetrare nella polpa dentale dove può generare anche una grave infezione.

 

Non solo gli zuccheri attaccano lo smalto

Gli alimenti con pH inferiore a 5,5 possono danneggiare lo smalto. Il danno è maggiore se sono assunti frequentemente e per un tempo prolungato (per esempio mangiare in continuazione, masticare gomme zuccherate, sorseggiare bevande gassate).  Anche i cibi con un alto contenuto di carboidrati come ad esempio pasta, pane, crackers, patate, frutta secca, riso, patatine, snack salati, possono accelerare il processo di demineralizzazione e favorire l’insorgenza della carie.

 

I cibi “salva” smalto e sorriso

Gli alimenti e le bevande amiche dello smalto e del sorriso sono: acqua, latte, legumi, ortaggi fibrosi e crudi (per esempio la verdura a foglia larga, i broccoli, il sedano, la cicoria), frutta non troppo dolce e matura, come mele verdi, mandorle, noci e semi.

 

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *