VNS è l’acronimo di Vagus Nerve Stimulation cioè la stimolazione del nervo vago. Questa è una delle più interessanti opportunità terapeutiche utilizzate da oltre 25 anni per la cura dell’epilessia farmacoresistente e della depressione farmacoresistente.

L’impianto per la VNS – definito per comodità di comprensione un “pacemaker per il cervello” – è costituito da un generatore che viene applicato chirurgicamente nella parte alta del torace e collegato al nervo vago. Gli effetti collaterali più diffusi legati alla stimolazione del nervo vago riguardano l’abbassamento della voce e la raucedine. La stimolazione del nervo vago è attiva da oltre 25 anni.

All’impianto tradizionale si è aggiunto un nuovo stimolatore denominato ASPIRE SR la cui caratteristica principale è quella di riconoscere la brachicardia legata ad un attacco epilettico.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
nome-foto
Pubblicità