Terapie domiciliari: al via da oggi commissione congiunta di Medici di Medicina Generale e infettivologi

SIMG – Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie e SIMIT – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali insieme per affrontare un delicato momento e supportare le istituzioni nella gestione della terza ondata della pandemia aggravata dalle varianti.

11 Marzo 2021

A fronte di uno scarso coordinamento tra istituzioni nazionali ed enti territoriali e tra medici di famiglia e specialisti, arriva la proposta di una commissione congiunta formata dai Medici di Medicina Generale della SIMGSocietà Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie e dagli infettivologi della SIMITSocietà Italiana di Malattie Infettive e Tropicali. I due presidenti, rispettivamente Claudio Cricelli e Marcello Tavio, hanno raggiunto l’accordo questa mattina e i lavori della Commissione prenderanno il via oggi stesso.

Claudio Cricelli

Come concordato con il Presidente SIMIT Marcello Tavio – sottolinea il Prof. Claudio Cricelli la SIMG e la SIMIT fanno partire una commissione nazionale congiunta che sulla base delle migliori evidenze scientifiche nazionali e internazionali disponibili, incluse ovviamente le note AIFA, definisca i criteri e le raccomandazioni per le terapie e i trattamenti domiciliari per pazienti con Covid-19. Abbiamo condiviso questa decisione e la nostra unità di intenti, per poi deliberare la costituzione della commissione nelle prossime ore. Le raccomandazioni della commissione saranno sottoposte al Ministro della Salute, all’Istituto Superiore di Sanità e al Comitato Tecnico Scientifico”.

Marcello Tavio

L’unità di intenti fra le due società, SIMIT e SIMG, e la volontà di assicurare ai pazienti con Covid-19 in ogni stadio di malattia il miglior trattamento possibile, è totale. – sottolinea il Dott. Marcello Tavio – Sono finalmente arrivati i vaccini, stanno per arrivare gli anticorpi monoclonali, si stanno accumulando nuovi dati a favore e contro varie opzioni terapeutiche; ed è quindi il momento di allineare le risorse disponibili per la prevenzione e la cura del Covid-19 in una strategia di largo respiro, che offra al paziente la possibilità di accedere al trattamento più indicato fino dal primo istante in cui viene posta la diagnosi”.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *