Vaccinazione anticovid in pazienti oncologici: primo studio su sicurezza e immunogenicità

Vaccinazione anticovid: Journal of Hematology and Oncology pubblica studio congiunto Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e Istituto Dermatologico San Gallicano di Roma su sicurezza e immunogenicità in pazienti con mieloma multiplo e neoplasie mieloproliferative

Roma, 19 Maggio 2021

Gli IFO Regina Elena e San Gallicano hanno iniziato il 1 marzo u.s. la vaccinazione con siero a RNA messaggero ai pazienti ematologici ed oncologici e in parallelo hanno avviato vari studi per valutare l’impatto in pazienti in corso di terapia.  Il lavoro appena pubblicato sulla prestigiosa rivista Journal of Hematology and Oncology, riporta i dati di immunogenicità e sicurezza rilevati su 42 pazienti con mieloma multiplo e 50 pazienti con neoplasie mieloproliferative, di cui 20 leucemie mieloidi croniche e 30 neoplasie mieloproliferative Philadelphia negative, tutti in trattamento attivo, che sono stati vaccinati e valutati per il grado di immunizzazione (titolo IgG neutralizzante) anti-SARS-CoV-2 il giorno della prima iniezione, il giorno della seconda iniezione, avvenuta dopo 3 settimane e, infine, dopo 2 settimane dalla seconda iniezione. Lo studio ha confrontato le risposte sierologiche con quelle osservate in 36 soggetti anziani di età superiore agli ottanta e non affetti da tumore. “Grazie alla sensibilità della Regione Lazio che ha avviato per prima la vaccinazione ai pazienti ematologici ed oncologici  – sottolineano Gennaro Ciliberto e Aldo Morrone, direttori scientifici rispettivamente IRE e ISG – e alla stretta collaborazione scientifica tra i nostri Istituti di ricerca, Regina Elena e San Gallicano, è stato possibile eseguire il primo lavoro consistente in assoluto sulle neoplasie mieloproliferative e mieloma multiplo, ed è il primo a fornire informazioni utilizzabili nella pratica clinica quotidiana per la gestione di questi pazienti. Dalla medicina di precisione potremo iniziare a ragionare in termini di vaccinazione personalizzata per i pazienti fragili.

A cinque settimane dalla vaccinazione,- riferisce Andrea Mengarelli, responsabile dell’Ematologia IRE e co-autore dello studio – la popolazione di pazienti con leucemia mieloide cronica, trombocitemia essenziale e policitemia vera ha risposto in modo forte ed efficace al vaccino a RNA messaggero (Cominarty), soprattutto dopo la seconda dose, avvicinandosi molto alla risposta della popolazione anziana di controllo. Tra le neoplasie mieloproliferative solo i pazienti con mielofibrosi hanno risposto meno al vaccino. Anche i pazienti con mieloma multiplo in trattamento con anti-CD38 hanno risposto parzialmente ed in modo più debole

Il nostro studio ha confermato che i pazienti con malattie onco-ematologiche sono particolarmente fragili dal punto di vista immunologico e che, oltre a dover essere vaccinati seguendo le schedule di vaccinazioni standard, vanno in seguito monitorati individualmente. Fortunatamente le piattaforme di vaccinazione a nostra disposizione – evidenzia Gennaro Ciliberto – possono consentire in linea teorica di mettere a punto differenti programmi di somministrazione basati su richiami personalizzati purchè siano disponibili abbastanza dosi di vaccini..

Alla luce della ridotta protezione immunologica da parte del vaccino in questi pazienti con mielofibrosi e con mieloma multiplo in trattamento attivo con anticorpi monoclonali anti-CD38, – sottolinea Aldo Morrone – occorre implementare alcuni accorgimenti per una corretta gestione del rischio clinico da COVID-19, come ad esempio il monitoraggio del titolo IgG; il mantenimento del distanziamento fisico e dell’uso della mascherina, del lavaggio delle mani e la vaccinazione prioritaria dei familiari dei pazienti. La profilassi primaria con anticorpi monoclonali anti-SARS-CoV-2 potrebbe essere studiata in trials clinici dedicati ai pazienti con più alto rischio di ridotta risposta al vaccino.


Journal of Hematology & Oncology

Fifth‑week immunogenicity and safety of anti‑SARS‑CoV‑2 BNT162b2 vaccine in patients with multiple myeloma and myeloproliferative malignancies on active treatment: preliminary data from a single institution

Fulvia Pimpinelli, Francesco Marchesi , Giulia Piaggio, Diana Giannarelli, Elena Papa, Paolo Falcucci, Martina Pontone, Simona Di Martino, Valentina Laquintana, Antonia La Malfa, Enea Gino Di Domenico, Ornella Di Bella, Gianluca Falzone, Fabrizio Ensoli, Branka Vujovic, Aldo Morrone, Gennaro Ciliberto and Andrea Mengarelli.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nome-foto
Pubblicità