ZEISS, protezione UV: quanto ne sappiamo di come e quando proteggere gli occhi?

I raggi UV non fanno “il cambio di stagione”: sono presenti tutto l’anno e prevenirne gli effetti dannosi è fondamentale per il benessere visivo dei nostri occhi. #ognigiorno


Castiglione Olona (VA), 20 Novembre 2019

Quando si parla di protezione dai raggi UV, la prima cosa a cui si pensa è il sole e la stagione estiva. In realtà, la luce ultravioletta è presente anche nelle giornate nuvolose, e l’intensità della radiazione UV può essere molto elevata, anche in inverno, in particolare con la neve. Se consideriamo ad esempio, l’autunno e l’inverno, ovvero le stagioni maggiormente caratterizzate da giornate nuvolose e buie, non tutti sanno che l’intensità dei raggi UV con il cielo coperto si aggira intorno al 70%. Inoltre, in montagna, i raggi solari vengono riflessi dalla neve fino al 90%, aumentando considerevolmente il rischio per gli occhi.

Dal 2018, ZEISS, ha iniziato una campagna di sensibilizzazione sui rischi derivanti da un’inadeguata protezione degli occhi e dell’area perioculare dai raggi UV: un impegno che l’azienda porta avanti attivamente, da oltre un anno, volto a portare i consumatori a conoscenza dei rischi e soprattutto delle precauzioni da adottare, in modo da renderli sempre più “consapevoli” nella scelta delle lenti da vista quando, ad esempio, si trovano di fronte alla scelta di un paio di lenti da vista.

 

Perché e come proteggersi?

Proteggersi dai raggi UV significa prima di tutto prendersi cura del benessere dei propri occhi. Un’esposizione costante ai raggi UV può causare infatti fotocheratiti, cataratta e fotoinvecchiamento dell’area perioculare:

  • Il 48% [1] della cecità mondiale è causata da patologie relative alla cataratta; l’OMS afferma che circa il 20% di queste sono causate o peggiorate dalle radiazioni UV;
  • il 90% [2] dell’invecchiamento precoce visibile dell’occhio è causato dai raggi UV dannosi, ma solo il 31% delle persone indossa occhiali da sole, mentre la maggior parte di coloro che indossano solo occhiali da vista (trasparenti) non sono sufficientemente protetti;
  • In Italia, 7 lenti su 10 non forniscono adeguata protezione UV.

Poter indossare quotidianamente delle lenti chiare che garantiscono la stessa protezione UV fornita dagli occhiali da sole, è possibile grazie alla tecnologia UVProtect, che, da aprile 2018, viene integrata di serie e senza costi aggiuntivi in tutte le lenti da vista chiare ZEISS. Questa tecnologia è in grado di assorbire l’intero spettro UV dannoso fino a 400 nm, ed essendo un vero e proprio substrato invisibile, non comporta nessuna differenza estetica rispetto alle altre lenti da vista.

La salute dei nostri occhi è molto importante e se non li proteggiamo, rischiamo di subirne le conseguenze, in particolare dopo i 40, 50 anni. La protezione dai raggi UV è una delle misure preventive più importanti che possiamo attuare per la nostra pelle e i nostri occhi” – ha dichiarato Dottor Miguel Burnier Jr, MD, PhD. Dr. in Oftalmologia, Chirurgia e Oncologia alla McGill University. “Siamo così abituati a curare le malattie che a volte ci dimentichiamo che prevenirle è molto più importante e il fatto che ora le stesse lenti che usiamo in una giornata normale possano assicurare una protezione,che aiuta a prevenire alcune malattie, è davvero straordinario” – aggiunge Burnier.

Video: Perché ZEISS UVProtect?

 

Informazioni su ZEISS

ZEISS è un gruppo tecnologico leader a livello mondiale nei settori dell’ottica e dell’optoelettronica. Il Gruppo ZEISS sviluppa, produce e commercializza soluzioni per metrologia, microscopia, tecnologia medicale, lenti per occhiali e obiettivi per fotografia e cinematografia, binocoli e attrezzature per la tecnologia dei semiconduttori.

Nell’anno fiscale 2017/18 il Gruppo ZEISS, che conta circa 30.000 dipendenti, ha registrato un fatturato di oltre 5,8 miliardi di Euro nei suoi quattro segmenti: Industrial Quality & Research, Medical Technology, Consumer Markets e Semiconductor Manufacturing Technology (dati aggiornati al 30 settembre 2018).

ZEISS sviluppa, produce e distribuisce soluzioni innovative per la metrologia industriale e la garanzia di qualità, per i microscopi usati nelle scienze biologiche e nella ricerca sui materiali e per le tecnologie medicali dedicate alla diagnosi e al trattamento delle malattie nelle specializzazioni di oftalmologia e microchirurgia. Il nome ZEISS è conosciuto nel mondo anche come sinonimo di litografia ottica, strumento usato dall’industria dei chip per la produzione di semiconduttori. La domanda di prodotti a marchio ZEISS quali lenti per occhiali da vista, lenti per foto e videocamere e binoculari è in crescita.

Grazie a un portfolio in linea con le future aree di sviluppo (quali digitalizzazione, sanità e Smart Production) e grazie a un brand forte, ZEISS sta costruendo un futuro che va oltre i settori dell’ottica e dell’optoelettronica: i considerevoli investimenti dell’azienda stanno gettando le basi per la continua espansione della leadership di ZEISS nella tecnologia e sul mercato.

Il Gruppo ZEISS è presente in quasi 50 Paesi con circa 60 centri di vendita e assistenza in tutto il mondo, oltre a 30 stabilimenti di produzione e centri di ricerca e sviluppo. La sede centrale dell’azienda, fondata nel 1846 a Jena, si trova oggi a Oberkochen, in Germania. Carl Zeiss Foundation, una delle più grandi fondazioni tedesche dedicate alla promozione della scienza, è il proprietario unico della holding Carl Zeiss SpA.

Per maggiori informazioni: www.zeiss.it

 

Informazioni su ZEISS Vision Care

ZEISS Vision Care è uno dei leader a livello mondiale nella produzione di lenti per occhiali da vista e strumenti per l’ottica oftalmica. Insieme alla divisione ZEISS Consumer Products, appartiene all’area di business denominata “Consumer Markets”, che sviluppa e produce strumenti e soluzioni per l’intera catena di valore dell’ottica oftalmica, che vengono commercializzati in tutto il mondo con il marchio ZEISS.

Per maggiori informazioni: www.zeiss.it/vision


[1] Global data on visual impairment in the year 2002. Resnikoff S, Pascolini D, Etya’ale D, Kocur I, Pararajasegaram R, Pokharel GP,Mariotti SP Bull World Health Organ. 2004 Nov; 82(11):844-51

[2] Secondo uno studio condotto l’American Academy of Dermatology –  Most Americans don’t use sunscreen, study shows.” ScienceDaily, 19 May 2015

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *