L’Oasi di Troina tra i soci fondatori della Rete Nazionale degli IRCCS pediatrici

Nasce la Rete IDEA, un'iniziativa per migliorare la qualità della vita dei bambini

Troina, (EN), 11 maggio 2017

Si chiama “IDEA”  l’iniziativa a favore della salute dei più piccoli e che mette in rete, per la prima volta in Italia, gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) con specializzazione pediatrica.

Il progetto denominato “Rete Italiana salute Dell’Età evolutiva” (Rete IDEA), è stato avviato formalmente con il sostegno del Ministero della Salute lo scorso 27 aprile. Assieme all’IRCCS “Oasi Maria SS.” di Troina altri prestigiosi IRCCS specializzati in campo pediatrico: il “Gaslini” di Genova, il “Bambino Gesù” di Roma,  lo “Stella Maris” di Pisa, il “Burlo Garofolo” di Trieste, e il “Medea” di Bosisio Parini (LC).  L’iniziativa ha lo scopo di promuovere la ricerca scientifica e tecnologica per favorire la qualità della vita del bambino e la sua piena crescita psicofisica soprattutto in età evolutiva, promuovendo l’educazione e l’informazione. Alla base dell’iniziativa il cosiddetto modello di “network”, ovvero una collaborazione attiva e sinergica tra varie strutture a totale beneficio del paziente.

Quali i vantaggi? “La nascita della rete – dichiara Maurizio Elia, referente del progetto per l’IRCCS “Oasi Maria SS.” di Troina – è di fondamentale importanza per lo sviluppo delle attività di ricerca scientifica sui temi dell’età evolutiva. Gli IRCCS pediatrici condividono, infatti, obiettivi e metodi che prevedono la necessità di connettere strettamente attività clinica, applicazioni di cure e prassi riabilitative basate sulle evidenze, nuove tecnologie e ricerca scientifica.

Alla base del progetto vi sono anche attività di formazione e la programmazione di azioni sinergiche efficienti nei campi della ricerca scientifica promossa in sede ministeriale”.

La Rete IDEA avvierà anche un percorso di esame, di studio e di comparazione delle politiche sanitarie dirette all’età dello sviluppo e delle modalità organizzative e gestionali dei relativi servizi, così come si configurano nei sistemi sanitari dei maggiori Paesi membri dell’UE: campo di analisi, questo, innovativo e necessario per lo sviluppo armonico dei sistemi sanitari dedicati ai più piccoli.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *