Ospedale di Circolo, telemedicina in Cardiologia: facciamo muovere le informazioni, non i pazienti

Prof. Roberto De Ponti
Un sistema di monitoraggio remoto dei dispositivi cardiovascolari elettronici impiantati in pazienti con gravi aritmie o scompenso cardiaco

Varese, 11 Maggio 2020

Un importante settore della telemedicina è rappresentato in Cardiologia dal monitoraggio remoto dei dispositivi cardiovascolari elettronici, cioè dei defibrillatori e dei sistemi di resincronizzazione cardiaca, impiantati in pazienti con gravi aritmie o scompenso cardiaco. Le informazioni che riguardano sia lo stato del dispositivo che le condizioni cliniche del paziente viaggiano periodicamente attraverso un sistema sicuro e protetto dal domicilio del paziente a piattaforme informatiche che vengono consultate dai tecnici di cardiologia e cardiologi in ospedale.

Un’ampia letteratura scientifica dimostra l’efficacia di questo sistema, che migliora la gestione di questi pazienti in termini di prognosi e qualità di vita, evitando anche periodiche visite in ospedale.

Potete immaginare l’utilità di questo sistema in era COVID-19 – spiega il Prof. Roberto De Ponti, Responsabile della Cardiologia dell’Ospedale di Circolo e neopresidente dell’Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione, società scientifica di questo settore – Nei mesi di marzo ed aprile 2020 abbiamo triplicato il numero di pazienti portatori di defibrillatore a cui viene fornito il sistema di monitoraggio, con un totale di circa 500 pazienti attualmente monitorizzati attraverso questo sistema dal personale tecnico e medico della nostra Cardiologia. Dobbiamo questo successo alla lungimiranza della Direzione dell’Azienda Ospedaliera, che ha creduto fin dall’inizio in questo progetto e ciò ha consentito nel corso dell’attuale emergenza di potenziare in tempi brevi questo sistema di telemedicina che monitorizza il paziente a domicilio”.

Unica pecca forse è la mancanza di rimborso da parte del Sistema Sanitario di questo servizio che pertanto costituisce una voce di spesa per l’ASST. “A proposito di questo – conclude il Prof. De Pontila nostra società scientifica si adopera da anni per il riconoscimento di questo servizio ed anche recentemente abbiamo fatto sentire la nostra voce nel Tavolo Tecnico Cardiologico del Ministero della Salute per la pianificazione della fase 2. Confidiamo in una risposta positiva, in modo che ciò che si è reso così utile in questa emergenza sanitaria diventi per i nostri pazienti un patrimonio acquisito che rimane nel tempo”. 

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *