TESAR, la nuova tecnica mininvasiva che ripara i difetti della parete addominale al San Carlo di Milano

Equipe di Chirurgia

Una nuova metodica endoscopica è stata messa a punto dal Dott. Marco Stella, Direttore del Dipartimento Area Chirurgica dell’ASST Santi Paolo e Carlo e dal Dott. Federico Fiori, specialista chirurgo dell’Ospedale San Carlo


Milano, 31 Gennaio 2019

Si chiama TESAR (Totally Endoscopic Sublay Anterior Repair), la nuova tecnica chirurgica mininvasiva, unica in Italia, sviluppata all’Ospedale San CarloASST Santi Paolo e Carlo, per il trattamento delle patologie della parete addominale come laparoceli, ernie di varia natura, diastasi dei muscoli retti, esisti post trauma, ecc.

Questa nuova metodica endoscopica, in pubblicazione sul Journal of Laparoendoscopic and Advanced Surgical Techniques, è stata messa a punto dal Dott. Marco Stella, Direttore del Dipartimento Area Chirurgica dell’ASST Santi Paolo e Carlo e dal Dott. Federico Fiori, specialista chirurgo dell’Ospedale San Carlo.

Grazie a TESAR oggi è possibile chiudere grossi difetti della parete addominale anteriore, sia post chirurgici che post partum, evitando l’approccio intraperitoneale laparoscopico e soprattutto le grandi laparotomie, consentendo di entrare nel tessuto sottocutaneo con tecnica mininvasiva e, attraverso piccole aperture ed una telecamera, posizionare le reti e riparare i difetti.

I risultati sono ottimi – dichiara il Dott. Stellaclinicamente abbiamo riscontrato l’immediata riduzione significativa dei sintomi correlati e, in molti casi addirittura la scomparsa e la dimissione del paziente avviene già solo dopo 24/48 ore rispetto ai 5 giorni necessari con la vecchia metodica chirurgica tradizionale.

L’equipe del Dott. Stella ha deciso di applicare TESAR anche per una patologia particolare, forse meno grave e complessa ma di grande impatto psicologico e sociale: la diastasi dei muscoli retti addominali, patologia che colpisce il 33% delle donne post parto, ma può occorrere anche sine causa gravidica e nell’uomo.

Questa patologia è spesso difficile da diagnosticare perché si manifesta con sintomi aspecifici, per cui le pazienti spesso consultano vari specialisti senza trovare soluzione al proprio caso. I sintomi più comuni di questa “apertura della parete addominale” sono dolori alle anche e al bacino, ernia ombelicale nel 90% dei casi,
incontinenza urinaria, gonfiore e nausea, ecc.

Notevoli i vantaggi di questa tecnica per i pazienti: una drastica riduzione della sintomatologia dolorosa, l’assenza delle ferite laparotomiche e toracotomiche proprie della chirurgia tradizionale, spesso gravate da complicanze (infezioni, laparoceli o cheloidi), un breve decorso postoperatorio con una conseguente riduzione della degenza ospedaliera. Anche la ripresa dell’attività lavorativa risulta più rapida.

Le pazienti spesso consultavano vari specialisti senza trovare soluzioni al proprio caso – dichiara il Dott. FioriGrazie alla collaborazione con Diastasi Mamme e Diastasi Italia, le maggiori associazioni che raggruppano donne con questo tipo di problematiche, siamo stati in grado di diffondere informazioni ed indicazioni corrette, che permettono un’accettazione più consapevole della patologia e della possibile soluzione.”

Un plauso al grande lavoro d’equipe chirurgica del Dott. Stella – dichiara il Dott. Matteo Stocco, Direttore Generale dell’ASST Santi paolo e Carlo – che è stato invitato a portare l’esperienza di TESAR in alcuni ospedali italiani ed europei, dalla Russia in particolare.”

Intervento – TESAR

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *