Uno studio pubblicato su “Alzheimer’s & Dementia”, condotto dai ricercatori dell'”Università La Sapienza” di Roma, insieme all’ospedale pediatrico “Bambino Gesù” di Roma e alla Fondazione “Policlinico Gemelli” di Roma identifica delle alterazione cerebrali con un semplice prelievo di sangue nei soggetti con sindrome di Down che indicherebbero lo sviluppo precoce dell’Alzheimer. Ne parliamo con Diletta Valentini, responsabile di Follow-up di Pediatria generale del Bambino Gesù ed Eugenio Barone, professore del Dipartimento di Scienze biochimiche “Rossi Fanelli” dell’Università La Sapienza.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nome-foto
Pubblicità