Una nuova tecnica di ablazione, più precisa e sicura, per la tachicardia da rientro nodale è stata appunto dai ricercatori dell’Ospedale Bambino Gesù, di Roma. Duecento bambini trattati con successo, senza alcuna complicanza. Lo studio è stato pubblicato su Europace. Ne parliamo con Fabrizio Drago, responsabile di Cardiologia e aritmologia pediatrica del Bambino Gesù.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nome-foto
Pubblicità