Home » Tumori, quali metodiche alternative per rilevarne la presenza
Prevedere lo sviluppo di un tumore prima che diventi visibile agli esami radiologici. Ne parliamo con Chiara Lazzari, dirigente medico oncologico dell’IRCCS Istituto Candiolo Centro Oncologico d’Eccellenza di Torino.

DIAGNOSI TUMORALE E  METODICHE ALTERNATIVE

Quali sono i vantaggi per i pazienti?

In questo modo i pazienti possono essere messi nelle condizioni di dare battaglia al cancro nella sua fase più vulnerabile, quando ancora non ha messo radici e sfoderato tutto il suo potenziale invasivo. Significa anche intercettare in alcune persone, come ad esempio i famigliari dei pazienti, il rischio di sviluppare tumori ereditari, modificando quindi il loro destino.

Con una sorta di “palla di vetro” la stessa prevenzione primaria assume una nuova e diversa importanza. Conoscere il proprio profilo di rischio o sapere con grande anticipo che un tumore sta iniziando a gettare le basi per un futuro attacco può aiutare le persone a mettere in atto una serie di misure comportamentali che possono impedire o anche solo rallentare l’insorgenza della malattia.

Cos’è la biopsia liquida?

La biopsia liquida è un esame che, a partire da un semplice prelievo di sangue oppure in alcuni casi saliva o urina permette di ottenere maggiori informazioni sul tumore di cui una persona è affetta. Sostanzialmente “va a caccia” delle cellule tumorali che circolano nel flusso sanguigno o del DNA che esse rilasciano. Consiste in un semplice prelievo di sangue venoso sul quale possono essere eseguite analisi molecolari quando non è possibile disporre di tessuto tumorale.

IL PROGETTO PROACTIVE

Il progetto Proactive insegue l’ambizioso obiettivo di rendere il cancro sempre più curabile. Grazie alla ricerca sul Dna tumorale circolante e delle cellule tumorali presenti nel sangue, e che rappresentano le tracce che il cancro rilascia i circolo, l’Istituto Candiolo lavora allo sviluppo di nuove metodiche che consentano di anticipare la diagnosi del tumore. L’obiettivo principale è curarlo prima che diventi una massa vera e propria e possa compromettere l’organismo di una persona.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

Canali 15 e 81 del DGTV in Sicilia

Pubblicità