Home » Tumori surrenalici, quali sono e quali cure
Il tumore del surrene è una malattia che si può sviluppare dalle due ghiandole surrenali. Ci sono diversi tipi di tumori surrenalici. Vediamo quali.

TUMORI SURRENALICI, DIAGNOSI E TERAPIA

I tumori surrenalici sono diversi e non sono particolarmente noti alla comunità. Vediamo quali sono e quali sono le terapie. Ne parliamo a “Prima Pagina Salute” con Massimo Terzolo, professore di Medicina Interna e direttore del Dipartimento di Scienze cliniche e biologiche dell’Ospedale San Luigi – Università di Torino.


IL TUMORE DEL SURRENE

Il tumore del surrene è una malattia che si può sviluppare dalle due ghiandole surrenali, o surreni, piccoli organi ghiandolari posti al di sopra di ciascun rene.

 

TIPOLOGIE DI TUMORE

Quando colpiscono la parte corticale prendono il nome di carcinomi della corticale del surrene, e vengono distinti in tumori secernenti e non secernenti. Quando il tumore colpisce la porzione midollare prende invece il nome di feocromocitoma.

Più del 35 per cento dei feocromocitomi sono di origine ereditaria, e in questo caso spesso interessano entrambe le ghiandole surrenali.

Il tipo più comune di tumore delle ghiandole surrenali è un tumore benigno detto adenoma surrenalico. I tumori maligni più frequenti sono in realtà rari.

 

SINTOMI

In molti pazienti un adenoma surrenalico può non provocare alcun sintomo, se non produce un eccesso di ormoni e non è di grosse dimensioni, per esempio:
> senso di pienezza addominale
> dolore addominale localizzato

I tumori surrenalici secernenti possono provocare una serie di sintomi diversi a seconda del tipo di ormoni prodotti in eccesso. Un eccesso di aldosterone provoca:
> aumento della pressione arteriosa
> riduzione dei livelli di potassio nel sangue
> diminuzione dei livelli ematici di renina

Il feocromocitoma, che produce un eccesso di catecolamine, adrenalina, noradrenalina, si manifesta con un rialzo della pressione arteriosa improvvisa, che può essere accompagnato da:
> tachicardia
> sudorazione
> vampate
> intenso mal di testa

Una produzione eccessiva di cortisolo si manifesta invece con sintomi che possono variare ampiamente da un paziente all’altro e comprendono:
> aumento di peso
> ritenzione idrica
> un aspetto tipico del volto, la cosiddetta “facies a luna piena
> comparsa di gibbo per accumulo di tessuto adiposo
> presenza di strie arrossate sulla cute dell’addome
> strie rubre
> irsutismo
> modificazioni del tono dell’umore fino a veri e propri sintomi psicotici
> maggiore suscettibilità alle infezioni
> sviluppo di un diabete secondario, poiché l’ormone determina un aumento dei livelli di zucchero nel sangue.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

Canali 15 e 81 del DGTV in Sicilia

Pubblicità