Home » Malattie reumatologiche: le prospettive della ricerca scientifica

Le malattie reumatologiche che solo in Italia si stima colpiscano più di 15 milioni di persone. Quali sono le prospettive della ricerca scientifica? Ne parliamo con Carlomaurizio Montecucco, presidente FIRA, Fondazione Italiana per la Ricerca sull’Artrite, professore di Reumatologia, direttore del Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Medica dell’Università di Pavia, direttore Struttura Complessa di Reumatologia al Policlinico San Matteo di Pavia.

I dolori muscolo-scheletrici sono estremamente frequenti.

Fortunatamente una parte preponderante di questi dolori non è di impedimento alle normali attività della vita, sono di breve durata e si risolvono con facilità.

Altre volte invece, questi dolori sono la spia di una malattia più importante che può colpire l’intero organismo e che possono dare delle grosse difficoltà e possono portare a condizioni molto severe dal punto di vista clinico.

Dal punto di vista della ricerca, questa è focalizzata soprattutto su malattie come le artriti sistemiche.

Le malattie reumatologiche interessano in prevalenza le articolazioni ma possono anche essere malattie sistemiche, che coinvolgono vari organi come cuorepellepolmonereneintestino e occhio.

Spesso queste malattie sono correlate a un disturbo del sistema immunitario e hanno una causa infiammatoria come nel caso di:

  • artriti (artrite reumatoide, artrite psoriasica, polimialgia reumatica, spondiloartriti, gotta);
  • connettiviti (sclerosi sistemica, lupus eritematoso sistemico, sindrome di Sjogren, miopatie infiammatorie);
  • vasculiti (infiammazione dei vasi sanguigni).

Altre malattie reumatologiche sono secondarie alla degenerazione delle articolazioni con danno della cartilagine, come l’artrosi, o sono basate su alterazioni del metabolismo osseo, come l’osteoporosi e la malattia di Paget.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

Canali 15 e 81 del DGTV in Sicilia

Pubblicità