Home » Speciale gravidanza: cos’è la gestosi e come si cura

Speciale gravidanza: cos’è la gestosi e come si cura

La gestosi è un disturbo della gravidanza. Può comportare complicazioni alla mamma e al feto. Vediamo di cosa si tratta.

di Melania Sorbera

La gestosi

La gestosi, nota anche come preeclampsia, interessa circa il 2-5% delle donne europee in gravidanza. Se non trattata può causare anomalie che influenzano lo scambio madre figlio e rallentare la crescita del feto, causare gravi danni agli organi della madre, in particolare al cervello, ai reni e al fegato.

Può anche evolvere in sindrome HELLP, caratterizzata da emolisi, aumento degli enzimi epatici e trombocitopenia.

Può comportare anche il distacco della placenta, nonché la morte di madre e bambino per emorragia. Le cause non sono ancora note, tuttavia, si ipotizza un’alterazione nello sviluppo della placenta e dei vasi sanguigni che la irrorano.

Fattori di rischio

Tra i fattori di rischio che predispongono alla sua comparsa, ci sono

  • l’obesità o il sovrappeso;
  • il diabete; l’ipertensione;
  • le malattie renali o epatiche;
  • l’artrite reumatoide;
  • il lupus eritematoso sistemico; la sclerodermia; il
  • fatto di essere gravida per la prima volta;
  • L’età materna molto giovane oppure superiore a 40 anni; l’aver contratto una gestosi in una gravidanza precedente, l’avere una gravidanza gemellare o plurigemellare;
  • l’eccesso di sodio nella dieta; la sindrome da anticorpi antifosfolipidi o la fecondazione assistita.

Più frequentemente, la gestosi compare dopo le 24-26 settimane di gravidanza e si può verificare, seppure più raramente, anche nelle prime sei settimane dopo il parto. Si manifesta con la pressione alta; l’elevata presenza di proteine nelle urine; il dolore addominale; la nausea e il vomito; un forte mal di testa; delle alterazioni della vista; i tremori alle mani e un brusco aumento di peso, oltre 5 chili a settimana.

La diagnosi avviene tramite valutazione della pressione ed esecuzione di esami ematici e delle urine. Uno di questi è la valutazione della curva glicemica. I valori della curva glicemica in gravidanza sono considerati normali quando subito dopo l’assunzione della soluzione glucosata sono: fino a 95 mg/dl; dopo 60 minuti: fino a 180 mg/dl e dopo 120 minuti: inferiori a 155 mg/dl.

Fondamentale anche l’esecuzione di un’ecografia per valutare il benessere e la crescita del feto, osservare i suoi movimenti, rilevare il suo battito cardiaco e verificare il flusso di sangue attraverso la placenta. L’unica cura risolutiva è rappresentata dallo stesso parto, mentre la prevenzione, non sempre possibile, si basa sul controllo dei fattori di rischio.

E’ comunque importante tenere sotto controllo la pressione sanguigna con farmaci antipertensivi e con la limitazione dell’apporto di sale nella dieta, anche dopo il parto.

Per prevenirla vi sono alcune indicazioni, come ad esempio: oltre alla limitazione del sale nella dieta, appena detto, anche il contenimento dell’aumento di peso e l’assunzione di acido acetilsalicilico. Quest’ultimo è raccomandato in donne ad alto rischio di preeclampsia a partire dalla 12esima settimana di gravidanza fino al momento del parto, per diminuire il rischio di nascita prematura.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

Canali 15 e 81 del DGTV in Sicilia

Pubblicità